Selfie Scudetto per Savani, Sabbi e lo Shanghai
PECHINO – Sovvertendo i  pronostici dei bookmaker lo Shanghai di Sabbi (18 punti col 74% in att. e 4 ace) e Savani (8 punti col 61% in att.) centra lo scudetto al primo colpo espugnando in appena 3 set il difficile campo del Pechino di Edgar e Marshall e chiudendo così la contesa in appena tre gare.

Per lo Shanghai si tratta del dodicesimo scudetto della propria storia (gli altri undici nel 2000, tra il 2004 e il 2012, e nel 2015), il secondo consecutivo per Savani.

Ai padroni di casa non bastano dunque i 24 punti del solito Edgar (votato MVP del campionato), che finisce per trovarsi troppo solo mettendo a segno più del doppio di tutti i punti fatti dagli altri suoi compagni di squadra (solo 2 punti con il 25% in att. per il cubano Marshall).

Savani, Edgar e Marshall tornano quindi sul mercato disponibili per la Superlega A1. Sabbi, anch’egli sul mercato, può andare solo all’estero. Non in Italia dove ha già giocato con la maglia Lube.

foto
foto
Finale 1°-2° posto: Gara 3 (27 febbraio)
Beijing – Shanghai 0-3 (18-25, 25-27, 19-25) Serie 0-3
Beijing: Kang Kang 1 (P), Edgar 24 (O), Marshall 2 (S), Shan Qingtao 2 (S), Liang Chunlong 4 (C), Hu Xizhao 0 (C), Hui Chu (L); Yi Zhao n.e. (P), Wang Chen 1 (O), Liu Libin 0 (S), Fan Yang 0 (C), Wang Jingxing 0 (C).
Shanghai: Zhan Guojun 2 (P), Sabbi 18 (O), Savani 8 (S), Dai Qingyao 5 (S), Chen Longhai 6 (C), Zhang Yichen 1 (C), Ren Qi (L); Zhang Sulei n.e. (P), Fang Yingchao n.e. (O), Scott Touzinsky n.e. (S), Bi Huang 0 (S), Tong Jiahua (L).