Civitanova: Giulianelli, “Non sarà LubExit”

Giulanelli sbotta dopo il ko in finale
Fabio Giulianelli

CIVITANOVA – L’amministratore unico Fabio Giulianelli, intervistato da Fabio Petrelli per il Corsport, parla del dopo coronavirus…

“Il volley è passione e veicolo di marketing, non ce ne andremo. Sarebbe bello giocare anche a giugno o luglio, vorrebbe dire tornare alla normalità”.

LO STOP DEI CAMPIONATI“Credo che sospendere i campionati, al di là della possibile diffusione del virus, sia innanzitutto una giustissima forma di rispetto verso le tante famiglie che si sono trovate a piangere i loro cari e verso chi ogni mattina deve lottare all’interno delle strutture ospedaliere, dai pazienti al personale”.

FIDUCIOSO SULLA RIPARTENZA – “Mi piacerebbe. Significherebbe riavvicinarsi alla normalità e quindi che l’emergenza è ormai alle spalle. Anche a giugno o luglio, perché no, magari con partite serali, in considerazione dello stop all’attività delle nazionali che è già arrivato con l’annullamento della Nations League e lo spostamento delle Olimpiadi. Sento parlare di eventuali difficoltà legate a contratti, transfert.. ma ritengo che se da parte di tutti esiste la volontà di ricominciare, sono ostacoli superabili, specialmente in un contesto del tutto eccezionale come quello in cui ci stiamo attualmente muovendo. Contesto a cui si dovranno adattare anche i giocatori, che sono stati obbligati ad interrompere la loro attività, e quindi la riprenderanno – esattamente come molte persone che lavorano – in un momento diverso. Senza contare che gli atleti impegnati con le loro nazionali, finita la stagione col club, sarebbero stati quasi subito precettati per la preparazione in vista di un’estate fatta di palestra, allenamenti, partite…”.

NON SARA’ LUBEXIT –  “La pallavolo è una passione, un veicolo di marketing, e tanto divertimento. E non la lasceremo, chiaro. Ma questa emergenza lascerà il segno anche li”.

Sostieni Volleyball.it