Conegliano: Santarelli svela il segreto dell’impresa, “Testa e cuore e il mio papà”

CONEGLIANO – Dopo l’impresa con l’Eczacibasi Daniele Santarelli, tecnico dell’Imoco Conegliano commenta così l’impresa:  “E’ stata una prestazione incredibile, una vittoria di testa e di cuore, inattesa e proprio per questo ancora più bella. All’andata non avevamo giocato la nostra pallavolo, stasera invece abbiamo messo in campo tutto quello che avevamo giocando un grande match sul campo di uno dei club più forti del Mondo. Devo fare i complimenti alle mie ragazze, sono state straordinarie giocando una partita ai limiti della perfezione; anche quando eravamo in difficoltà non abbiamo mai perso la testa, restando ordinate e concentrate, sempre focalizzate sul nostro gioco.”

Una vittoria del gruppo, con le ragazze della panchina impeccabili quando chiamate in causa: “Si, abbiamo la fortuna di una rosa dove tutte possono essere decisive e oggi devo dire che questa nostra caratteristica è stata importantissima. La crescita del gruppo in questa stagione è stata fantastica e ora abbiamo un livello altissimo in tutta la rosa, indipendentemente dalle scelte che devo fare ad ogni partita per le titolari, di questo dobbiamo ringraziare i nostri presidenti che anche oggi erano qui a sostenerci insieme ai nostri splendidi tifosi. Queste sono imprese che resteranno nella storia del club, di quelle da ricordare negli anni.”

Siete per il terzo anno tra le prime 4 d’Europa, e ora si può sognare: “Il percorso del nostro club è in continua crescita e questa qualificazione ci conferma tra i top team d’Europa e del Mondo. Dopo gara uno pensavo che sarebbe stato ingiusto uscire così, ma l’orgoglio della squadra e la classe di queste campionesse è uscita al momento decisivo. Ma restiamo con i piedi per terra, oggi festeggiamo, poi sappiamo che la strada è ancora lunghissima e le avversarie tutte molto forti, avremo tempo per pensarci, ma con grande fiducia e convinzione nei nostri mezzi.” 

Cosa ti porterai via da questa trasferta di Istanbul? “Le mie giocatrici il giorno che dovevamo giocare con Lodz al Palaverde per sperare nella qualificazione mi hanno suggerito la combinazione “testa e cuore” che è stato il nostro leit motiv da quel momento in poi. Ecco, questo mi resterà dentro e poi lasciatemi dire che nel giorno della festa del papà so che dall’alto il mio ci ha dato oggi una mano per confezionare questa fantastica impresa.”

Sostieni Volleyball.it