B1 F. A: La Chromavis Abo ingrana la sesta: 3-0 all’Arredo Frigo Makhymo

    Nella foto Molaschi, l'esultanza della Chromavis Abo dopo il 3-0 ad Acqui

    CHROMAVIS ABO-ARREDO FRIGO MAKHYMO 3-0 (25-16, 25-20, 25-21)
    CHROMAVIS ABO: Nicolini 2, Porzio 9, Gentili 6, Minati 12, Dalla Rosa 14, Cheli 13, Giampietri (L), Rancati. N.e.: Colombetti (L), Marchesi, Russo, Raimondi. All.: Barbieri
    ARREDO FRIGO MAKHYMO: Martini 8, Mirabelli F. 9, Cattozzo 2, Mirabelli A. 11, Rivetti 3, Cicogna 6, Ferrara (L), Pricop 1, Oddone, Sergiampietri. N.e.: Sassi. All.: Marenco
    ARBITRI: Fini e Campanile

    OFFANENGO – La sosta non ferma la corsa della Chromavis Abo, che inizia il girone di ritorno in B1 femminile con una vittoria da tre punti centrata al PalaCoim di Offanengo contro l’Arredo Frigo Makhymo, formazione piemontese regolata in tre set come accadde all’andata in terra piemontese. In una sfida tra due squadre in salute (come testimoniavano i recenti risultati), la formazione di Leo Barbieri ha saputo far valere la legge del più forte, festeggiando così la sesta vittoria consecutiva, step dove invece si è fermato Acqui Terme dopo il ko in terra cremasca. In classifica non cambia nulla, con Porzio e compagne che restano al quinto posto, mantenendo la scia alla zona play off, sempre distante sei lunghezze.

    Al PalaCoim è andata in scena una partita con più copioni: nel primo set il pubblico ha assistito alla rimonta delle padrone di casa, capaci di passare dal 3-9 al 14-12 prima di involarsi di slancio verso il 25-16. Nel secondo parziale, invece, la Chromavis Abo ha provato a più riprese ad allungare in modo importante, riuscendoci solo nel finale verso il 25-20 che valeva il 2-0. Maggiore equilibrio, infine, nel terzo set, con la squadra di Barbieri sempre spietata nei momenti-clou della frazione per il 25-21 che ha chiuso la contesa.

    Oltre a mostrare qualcosa in più in attacco, Offanengo ha potuto costruire la vittoria su un miglior primo tocco: una ricezione solida (senza errori e ad alte percentuali soprattutto nel secondo e terzo set) ha dato ritmo al cambiopalla, mentre la battuta ha messo in difficoltà la seconda linea avversaria con precisione e anche punti diretti (9 ace contro i 2 ospiti).

    Miglior giocatrice dell’incontro è stata eletta la giovane schiacciatrice della Chromavis Abo Francesca Dalla Rosa (classe 1998), anche top scorer con 14 punti, con 10 attacchi vincenti, 2 ace e altrettanti muri. Nella metà campo cremasca, in doppia cifra anche la centrale Lisa Cheli (13 punti) e l’opposto Veronica Minati (12, dei quali 3 in battuta, stesso score al servizio di capitan Porzio). Nell’occasione, Dalla Rosa è stata premiata con la Treccia d’oro (tipico dolce cremasco) dal sindaco di Offanengo Gianni Rossoni.

    Sabato la Chromavis Abo inseguirà la settima vittoria consecutiva andando a far visita al Parella Torino.

    LE DICHIARAZIONI POST-PARTITA:

    Francesca Dalla Rosa (schiacciatrice Chromavis Abo): “Sono contenta per questa vittoria, che ci voleva sicuramente. Dopo la sosta è sempre un’incognita, a maggior ragione per chi viene da un filotto di successi com’era il nostro caso e anche quello di Acqui. Abbiamo faticato all’inizio, poi siamo riuscite a riprenderci. Credo che soprattutto la battuta, unitamente a un buon ordine in campo, ci abbia premiato a livello tecnico”.

    Sostieni Volleyball.it