B1 f. B.: La Chromavis Abo cerca il riscatto contro la Vivigas Arena

    Nella foto di Alessandro Soragna, un time out di coach Dino Guadalupi (Chromavis Abo)

    OFFANENGO –  Rialzarsi e riprendere a correre in campionato. Dopo due sconfitte consecutive, la Chromavis Abo vuole riaccendere il motore in B1 femminile e dovrà farlo nella trasferta veronese di Castel d’Azzano, dove sabato alle 20,30 sfiderà le padrone di casa della Vivigas Arena nella sesta giornata del girone B di B1 femminile.
    Domenica scorsa la squadra allenata da Dino Guadalupi ha ceduto 3-1 al PalaCoim contro la Gtn Volleybas Udine, rimanendo ancorata a quota 7 punti in classifica, gli stessi di Volta Mantovana e della stessa Vivigas con cui condivide la settima piazza.

    “Abbiamo svolto una buona settimana di lavoro – afferma il tecnico brindisino di Offanengo – ottimizzando le risorse a disposizione e prendendo spunto dall’analisi della partita persa contro Udine. In questi giorni ho visto molta qualità nel lavoro svolto, soprattutto a livello mentale. La prosecuzione del nostro percorso paga, unitamente alle esperienze di queste prime partite, ora dobbiamo trasportare il tutto in campo al sabato. Vivigas Arena come noi pensa magari di aver raccolto un po’ meno di quanto si aspettava a inizio stagione, sarà come al solito una battaglia sportiva a viso aperto. E’ una formazione che spesso attinge dalla panchina e dobbiamo essere pronti a diversi assetti nel corso della partita, anche con caratteristiche diverse. Dovremo adattarci a cosa succederà sul momento. Per quanto ci riguarda, sarà importante l’efficienza in attacco oltre a mantenere alto il punto fermo del muro-difesa”.

    Per quanto riguarda il recupero della palleggiatrice Cecilia Nicolini (infortunatasi due turni fa a Castelfranco Veneto e assente domenica scorsa contro Udine), dopo la distrazione di primo grado allo psoas la regista ha iniziato a lavorare a parte verso metà settimana e le sue condizioni vengono valutate di giorno in giorno.

    L’AVVERSARIO – La Vivigas Arena è allenata da Marcello Bertolini ed è una compagine allestita per recitare un ruolo importante nel campionato, pur con un inizio difficile al pari di Offanengo e – sempre in fotocopia con le cremasche – colpita da un infortunio importante come quello della centrale Fabiana Brutti. Sabato le veronesi hanno ceduto 3-1 a Volta Mantovana contro la Nardi, subendo l’aggancio in classifica.

    “In settimana – spiega il tecnico Marcello Bertolini – abbiamo avuto un confronto con le ragazze, che si sono rese conto di non aver fornito a Volta Mantovana una prestazione in linea con quanto stiamo facendo e per quello che ci aspettiamo da questa squadra. Sicuramente in questo momento ci sono dei problemi di ordine tecnico, ma è inutile non negare che ci sono anche delle problematiche di ordine psicologico che stanno attanagliando tutta la squadra, in particolare alcune giocatrici.  Il mio invito, che ho già esternato alla squadra, è di approfittare di questa partita contro Offanengo, un avversario che ha i nostri stessi punti ma un livello di esperienza e tasso tecnico di altissimo profilo, per giocare libere mentalmente senza sentire pressione. In questo momento, recuperando entusiasmo e voglia di fare, potremo recuperare anche le certezze che avevamo costruito nella prima fase della stagione”. Infine conclude. “La rosa è tutta a disposizione, arriviamo alla partita avendo lavorato bene e con la voglia di dare un’importante risposta. Sarà una partita vissuta a mio avviso più sul piano nervoso che su quello tecnico, perché anche Offanengo avrà pressioni, dal momento che la posizione attuale di classifica non è quella che si aspettavano a inizio campionato”. La Vivigas Arena è una “fedelissima” del Trofeo Duemme, organizzato dal Volley Offanengo nella fase di precampionato e dove le veronesi hanno sempre partecipato, vincendo anche in un’occasione.

    Sostieni Volleyball.it