B1f A: La Chromavis Abo alla resa dei conti per i play off: arriva la Tecnoteam Albese

    86
    Nella foto di Sandro Bertola, un momento del match d’andata tra Tecnoteam Albese e Chromavis Abo

    OFFANENGO – La resa dei conti, con la proverbiale ciliegina da apporre sulla “torta-rimonta”, cucinata con passione e competenza nel corso dei mesi. Una lievitazione lenta ma costante, con un prodotto cresciuto giorno dopo giorno fino al momento della definitiva cottura. In B1 femminile, per la Chromavis Abo è il momento della verità, con Offanengo che proverà a difendere il terzo posto finale nel girone A che varrebbe la qualificazione ai play off per l’A2, traguardo già raggiunto nella scorsa stagione.

    L’appuntamento è per domani (sabato) alle 20,30 al PalaCoim quando la squadra di Leo Barbieri affronterà la Tecnoteam Albese. In classifica, le neroverdi cremasche condividono il terzo posto (l’ultimo utile per la post-season) con la Florens Re Marcello Vigevano a quota 53 punti, ma possono contare su un numero maggiore di vittorie (19 a 17). Le pavesi riceveranno la visita del fanalino di coda Scuola del Volley Varese, ma la Chromavis Abo potrebbe non aver bisogno di collegarsi a Internet per sperare nella festa. In caso di vittoria per 3-0 o 3-1, infatti, Offanengo sarebbe certa del traguardo senza guardare il risultato dell’altro campo.

    Le cremasche arrivano dal sofferto 3-2 in rimonta di sabato scorso a Lurano, con Porzio e compagne capaci di risalire da 2-0 sotto e restare aggrappate con le unghie alla terza posizione in classifica. Ora il proverbiale ultimo sforzo, con un mix di emozioni che scenderanno inevitabilmente in campo insieme al 6+1.

    “Albese – spiega coach Leo Barbieri – è una formazione molto equilibrata composta da giocatrici dotate di tecnica; ne deriva che la precisione nella nostra fase di muro-difesa sia fondamentale. Rispetto all’andata, inoltre, la Tecnoteam sta variando il sestetto, ruotando laterali e palleggiatrici, quindi diventa una formazione difficile da studiare. Per quanto ci riguarda, a livello psicologico è la nostra diciottesima partita da dentro o fuori e siamo abituati a questa situazione. Siamo consapevoli dell’importanza della posta in palio e che sia l’ultima partita per il verdetto definitivo, ma comunque abbiamo già vissuto il clima. Siamo contenti di giocare questo match in casa, dove abbiamo sempre fatto molto bene e questo è un altro fattore di fiducia. Siamo consapevoli della forza di Albese, ma anche della nostra per giocarcela”.

    L’EX – Nelle fila della Chromavis Abo milita l’ex di turno della partita: la centrale Francesca Gentili, due stagioni fa alla Tecnoteam Albese dove ora ritroverà da avversaria tre sue ex compagne di squadra: la schiacciatrice Giulia Citterio e le centrali Martina Piazza e Doriana Santamaria.

    “Ho un bel ricordo di Albese – spiega la Gentili – sul versante agonistico in quella stagione i risultati auspicati non erano arrivati, ma al di là di questo con le compagne mi ero trovata bene, con la società si è creato un bel rapporto e mi sono affezionata a tutto l’ambiente. Lo strano scherzo del destino ora vuole che ci giochiamo tutto contro la Tecnoteam; avevo visto in sede di calendario che avremmo chiuso il cammino contro Albese, ma mai avrei pensato di giocarmi i play off in questa occasione. Sarà una partita molto emozionante, piena di adrenalina; spero che le nostre motivazioni si vedano in campo e ovviamente non dobbiamo sottovalutare l’avversario”.

    L’AVVERSARIO – La Tecnoteam Albese condivide il sesto posto con il Lilliput Settimo Torinese a quota 45 punti. Sulla panchina siede Cristiano Mucciolo, tecnico piemontese al primo anno in terra lombarda. Tra le individualità di spicco della rosa, la banda Migliorin, l’opposta Facco (lo scorso anno protagonista contro Offanengo nei play off con Talmassons) e il libero Torrese, lo scorso anno compagna di squadra di Lisa Cheli a Pinerolo festeggiando la conquista dell’A2.

    “Il nostro bilancio stagionale – commenta coach Mucciolo – è assolutamente positivo, siamo ripartiti cambiando molto per provare a costruire un telaio per una squadra che duri per più di una stagione. Ci aspettavamo alcune difficoltà avute, ma siamo molto contenti, con un bell’ambiente e un buon modo di lavorare. Offanengo? Non perché non avessi fiducia in una signora squadra, ma non mi aspettavo sinceramente la rimonta dall’ottavo al terzo posto, matematicamente molto difficile in un campionato dal livello molto alto. Per quanto riguarda sabato, sappiamo di essere un po’ l’ago della bilancia della lotta play off. Sarà una partita molto delicata per Offanengo, noi siamo tranquilli e sereni, sapendo che la Chromavis Abo è più forte. Credo che più aspetti tecnici e tattici contino quelli agonistici e motivazionali di Offanengo: la partita si giocherà lì”.

    Sostieni Volleyball.it