B1f A: La Chromavis Abo liquida Varese (3-0) e sale al quarto posto

    Nella foto Molaschi, la Chromavis Abo festeggia il 3-0 al PalaCoim contro Varese con gli "amici speciali" dell'ANFFAS Onlus Crema

    CHROMAVIS ABO-SCUOLA DEL VOLLEY VARESE 3-0 (25-18, 25-11, 25-15)
    CHROMAVIS ABO: Dalla Rosa 12, Cheli 12, Nicolini 3, Porzio 9, Gentili 10, Minati 5, Giampietri (L), Marchesi 1, Colombetti. N.e.: Raimondi. All.: Barbieri
    SCUOLA DEL VOLLEY VARESE: Della Canonica 1, Scurzoni 5, Rimoldi 3, Zanello 8, Arapi 4, Brunella 3, Bossi (L), Bellanca 6, Elli, Albè, Malvicini 1, Masoero. All.: Zanellati
    ARBITRI: Rezzonico e Mamprin

    OFFANENGO – Pronostico rispettato e una classifica sensibilmente migliorata. E’ un “tredici” in piena regola quello festeggiato dalla Chromavis Abo in B1 femminile, con la squadra di Leo Barbieri vincitrice nel match interno del PalaCoim contro la “Cenerentola” Scuola del Volley Varese e con la tredicesima vittoria nelle ultime quattordici partite. Tre a zero il risultato a favore delle neroverdi cremasche in un incontro mai in discussione e dove le padrone di casa sono risultate superiori in ogni fondamentale, anche se il fanalino di cosa ha provato a impensierire Offanengo, soprattutto con una buona difesa. Troppo, però, il divario tra Varese e la Chromavis Abo, che ha potuto anche far rifiatare parzialmente l’opposta Veronica Minati, ben sostituita dalla giovane Virginia Marchesi, poi eletta miglior giocatrice dell’incontro e premiata con la Treccia d’oro dall’assessore comunale e medico sociale Pierangelo Forner. La giornata si è chiusa con un bel quadretto musicale e sociale, con lo speaker e cantautore Giò Bressanelli “armato” di chitarra” che ha suonato la sua canzone “La ragazza e la palla” dedicata alla Chromavis Abo e cantata insieme agli “amici” speciali dell’ANFFAS Onlus Crema e alle giocatrici di Offanengo.

    Ricezione solida, otto ace, nove muri e 35 palloni messi giù in attacco: questi i numeri del dominio di Offanengo in tre set di fatto senza storia. Ma la notizia più importante arriva dalla classifica: Porzio e compagne hanno agguantato il quarto posto agganciando il Don Colleoni (3-2 interno in rimonta contro Lecco), condividendo la stessa quota punti (46) e il numero di vittorie (16), ma con un miglior quoziente set (stessi set vinti, 54, ma tre in meno persi, 26 a 29). Inoltre, l’inatteso scivolone di Vigevano a Torino contro il Parella (3-2) ha ridotto a una sola lunghezza la distanza dalla zona play off quando al termine mancano quattro partite.

    Offanengo, insomma, sembra essere più padrona (non ancora del tutto) del proprio destino e cercherà di completare la straordinaria rimonta negli ultimi match, a partire dalla delicata trasferta sarda di sabato alle 16,30 a Palau contro il Capo d’Orso.

    LE DICHIARAZIONI POST-PARTITA

    Virginia Marchesi (schiacciatrice Chromavis Abo): “Ero entrata in campo molto agitata, anche se sapevo che le mie compagne mi avrebbero sostenuto come hanno effettivamente fatto. Sono riuscita a fare l’ingresso convinta, anche se non mi sono espressa al meglio. Sono contenta per il premio individuale perché in allenamento do tutto, per crescere e per aiutare la squadra. Dal punto di vista del risultato, siamo state brave: siamo sempre state avanti nel punteggio, battendo efficacemente e con il muro che ha funzionato molto bene, risultando un fondamentale importante. Ora ci aspetta un finale di stagione tutto da vivere: io sono convinta che lotteremo fino alla fine per i play off”.

    Sostieni Volleyball.it