B1f. B: Per la Chromavis Abo un punto in Veneto

    Nella foto di Marco Priarollo, un attacco di Federica Stroppa (Chromavis Abo) a Castelfranco Veneto

    OFFANENGO – Maratona sfortunata per la Chromavis Abo, che torna da Castelfranco Veneto con un punto nel match domenicale perso al tie break contro la Duetti Giorgione.  Si ferma a due, dunque, la mini-striscia positiva di Offanengo, che si deve accontentare del bottino minimo in terra trevigiana.

    La partita può offrire più di un motivo di rammarico per la squadra di Dino Guadalupi, che in primis non è riuscita a sfruttare il vantaggio di 14-20 nel terzo set, cedendo  ai vantaggi. Inoltre, a metà della quarta frazione si è infortunata la palleggiatrice Cecilia Nicolini (condizioni da valutare), comunque ottimamente sostituita dalla giovanissima Elena Maria Cicoria (2002).

    A livello globale, Offanengo può essere applaudita per il carattere messo in campo soprattutto nel quarto set in condizioni di difficoltà, mentre nel gioco ha pagato qualche imprecisione e un po’ di difetto di continuità, oltre a un attacco in chiaroscuro.  Alle neroverdi cremasche non sono bastati i 24 punti dell’opposta Federica Stroppa, in doppia cifra insieme alla centrale Lisa Cheli (10) e alla schiacciatrice Noemi Porzio (13).  Domenica la Chromavis Abo tornerà al PalaCoim nel match casalingo alle 18 contro il Gtn Volleybas Udine.

     

    DUETTI GIORGIONE-CHROMAVIS ABO 3-2 (16-25, 25-18, 26-24, 23-25, 15-9)
    DUETTI GIORGIONE:  De Bortoli 18, Ravazzolo 14, Fornasier 16, Fenice 8, Martinelli 11, Bateman 4, Piccinin (L), Massarotto, Fruscalzo 5, Colanardi, Venturi. N.e.: Rizzo. All.: Carotta
    CHROMAVIS ABO: Padula 1, Stroppa 24, Porzio 13, Cheli 10, Nicolini 3, Guasti 9, Giampietri (L), Rettani 2, Cortelazzo 5, Cicoria 1. N.e.: Riccardi (L), Marchesi, Rossi, All.: Guadalupi
    ARBITRI: Dario De Martino e Giuseppina Stellato

     

    LE DICHIARAZIONI POST-PARTITA:

    Lisa Cheli (centrale Chromavis Abo): “Complimenti a Elena Cicoria che è entrata in un momento difficile con lucidità e freddezza senza farsi prendere dalle circostanze. E’ stata una partita sul filo del rasoio a parte il primo set, dove le abbiamo aggredite da subito ma non abbiamo fatto loro esprimere ancora tutto il loro gioco. Dal terzo parziale potevamo far andare la partita in modo diverso, eravamo avanti 14-20 ma ci siamo fatte rimontare, commettendo tantissimi errori in cose che non ci possiamo permettere di sbagliare. Abbiamo tante cose da sistemare, ma le più semplici dovrebbero essere rodate. Inoltre, ci siamo un po’ fatte trascinare dal loro gioco e dall’entusiasmo, invece siamo state brave nel quarto set, mantenendo la lucidità dopo l’infortunio a Cecilia, a cui va un grande in bocca al lupo, poi il tie break è andato così”.

    Sostieni Volleyball.it