B1f: Battaglia vera al Pala Martarelli ma Castelbellino cede sul finale

    ©Augusto Giglietti

    Non bastano tanto cuore e voglia di vincere alla Termoforgia Castelbellino, che perde il confronto con Pesaro nella prima giornata di ritorno, dopo una lotta interminabile fra le mura amiche del Pala Martarelli. Più di 2 ore e 10 di partita, nella quale le due formazioni hanno giocato una partita equilibratissima e di altissimo livello tecnico. Finisce 3-1  per Pesaro, ma i 104 punti messi a terra da Castelbellino contro i 99 avversari la dicono lunga sull’andamento dell’incontro.

    Nel primo set le ospiti partono con una marcia in più e costruiscono un piccolo vantaggio che mantengono per buona parte della frazione di gioco, poi la Termoforgia trova nel servizio un’arma in più e ribalta la situazione a proprio favore facendo pensare ad una possibile vittoria del primo set. Un paio di ingenuità di troppo, però, si pagano care alla fine la spunta Pesaro ai vantaggi 26-28).

    Parte forte Pesaro anche nel secondo, portandosi subito sul 4-1. Solforati cambia una Moretto non in giornata con Fattorini. Da qui la Termoforgia rifila un parziale di 22-5  alle avversarie. Una sola squadra in campo, la Termoforgia, capace di annichilire le avversarie e dominare su ogni pallone. Il set finisce in un batter d’occhio con l’eloquente punteggio di 25-11.

    Le padrone di casa sembrano ben intenzionate anche nel terzo periodo, infilando belle azioni di difesa ed un muro efficace. Dall’altra parte della rete Cella e compagne tengono il passo e non permettono a Castelbellino di scappar via, tanto che ritrovano il vantaggio poco oltre la metà del set grazie a Costagli e Gabrieli (19-21). Castelbellino perde la bussola e torna a commettere errori sia tattici che tecnici, permettendo così alle avversarie una agevole vittoria del set: 20-25.

    Nel quarto parziale sembra di assistere alla fotocopia del secondo, con Castelbellino mattatrice del gioco e inarrestabile in battuta e attacco, tanto che si arriva in scioltezza fino al 21-16. Il tie break sembra inevitabile e alla Termoforgia basterebbe amministrare il generoso vantaggio per giocarsi la vittoria nel quinto parziale. Purtroppo però, le cose sono andate diversamente. Cella sale in cattedra, Bertolotto ritrova le fast di Lapi e Castelbellino torna a fare confusione nella gestione della situazione: si va ai vantaggi, tutto da rifare le le padrone di casa. La Termoforgia passa in svantaggio ed è brava ad annullare una marea di match ball per Pesaro, poi passa in vantaggio e ha 4 occasioni per portare a casa il set. La Blu Volley torna poi in vantaggio grazie al muro, per poi chiudere il match con la diagonale vincente di Cella: 33-35.

    Termoforgia Castelbellino – Megabat Pesaro: 1-3 (26-28, 25-11, 20-25, 33-35)
    CASTELBELLINO: Giordano 3, Moretto 2, Coppi 20, Montani 16, Verdacchi 21, Cardoni 7, Zannini. (L), Fattorini 6, Ciccolini, Leonardi. N.e. Canuti, Cardinali. All. Solforati

    MVP: Verdacchi

    PESARO: Bertolotto 1, Costagli 18, Lapi 11, Cella 17, Ginanneschi 2, Stafoggia 9, Gabrieli 15, Barone (L) 1, Murri 2, Durante, Magi. N.e. Mati, Gaudenzi, Ricci. All. Bonafede

    MVP: Cella

    Prossimo impegno della Termoforgia in trasferta a Trevi, sabato 15 alle ore 18,00.

    Sostieni Volleyball.it