B1f.: Guido Marangi (Chromavis Abo): “Far punti nella prima fase sarà molto importante”

    53
    Nella foto di Francesco Jacini, Guido Marangi (Chromavis Abo)

    OFFANENGO – Un campionato diverso, da interpretare al meglio in un contesto giocoforza differente. Al pari delle altre formazioni al via in B1 femminile, la Chromavis Abo si prepara alla partenza targata 23-24 gennaio in seguito alla nuova formula prevista dalla Fipav, con Offanengo inserita nel minigirone della prima fase con Cremona, Ostiano, Trescore, Costa Volpino e Lemen. Ad affiancare coach Dino Guadalupi per il secondo anno sulla panchina cremasca c’è Guido Marangi, tecnico perugino classe 1978.

    “La panoramica delle squadre – spiega Marangi – è nota, dal momento che i due sottogironi derivano dal raggruppamento che era stato ufficializzato in precedenza. La formula, invece, è nuova e assomiglia un po’ a quella degli ultimi anni per l’A2 femminile”.

    Prima fase in un girone a sei squadre con sfide di andata e ritorno, poi seconda fase con sola andata contro le restanti sei: come va interpretato questo campionato a tuo avviso?

    “Bisogna far punti subito nella prima fase ed è fondamentale cercare di partire bene, anche perché ci sono meno possibilità di recupero in una stagione con 16 partite al posto di 26; inoltre, la prima fase fa giocare 10 incontri e mette in palio complessivamente trenta punti mentre la seconda prevede solo sei match. Il nostro primo girone lo vedo abbastanza equilibrato, dove forse Cremona e Costa Volpino possono avere qualcosa in più”.

    Resta per tutti la difficoltà di prepararsi senza troppi riferimenti?

    “Puoi fare qualche allenamento congiunto, ma la partita di campionato porta dietro una serie di dinamiche che non si presentano in un test informale”.

    Come va vissuto questo periodo dalla squadra?

    “Serve molta partecipazione da parte delle ragazze per capire l’importanza di questo periodo. Dovranno essere brave a tenere alta la qualità e l’autoesigenza”.

    Su cosa si concentrerà il lavoro di queste settimane?

    “Temporalmente, siamo come a un inizio di preparazione classico, anche se arriviamo fisicamente più pronti rispetto a un tradizionale raduno estivo. Ora spingeremo sulle fasi del gioco per arrivare più pronti possibile all’esordio di gennaio”.

    Sostieni Volleyball.it