Campionati Mondiali Sordi: due atleti Tre.Uno nelle Nazionali azzurre in gara

    118

    L’estate del 2021 continua a portare successi sportivi e domenica 19 settembre è arrivata l’ultima grande soddisfazione con la vittoria dell’Europeo da parte dell’Italvolley maschile. Ci sono però ancora diverse competizioni in programma che possono portare nuove soddisfazioni al volley tricolore. Tra queste il World Deaf Volleyball Championship, il Mondiale di pallavolo per sordi, al quale parteciperanno due atleti trevigiani: con le rispettive nazionali femminile e maschile, infatti, vestiranno la maglia azzurra Chiara Cecconi e Lorenzo Cavasin.

    La manifestazione si terrà dal 23 settembre al 2 ottobre a Chianciano Terme e Chiusi (SI) e le nazionali coinvolte saranno 10 nel torneo maschile e 9 in quello femminile. Chiara e Lorenzo, entrambi classe 2004, si tuffano in quest’esperienza con tutta la voglia di dimostrare il proprio valore e di giocarsi un torneo importantissimo, alla fine di un’estate che li ha visti impegnati con le nazionali in diversi ritiri e amichevoli di preparazione.

    Chiara Cecconi, palleggiatrice, già argento ai Campionati Europei Sordi U21 nel 2018, è cresciuta respirando volley (il papà Luigi è presidente del Kosmos Volley di Sant’Alberto di Zero Branco) e quest’anno militerà in prima divisione con la squadra U18 del Volley Pro: “Vengo da una famiglia di pallavolisti e gioco da quando sono piccola: giocare mi permette di esprimermi e amo il volley perché è lo sport di squadra per eccellenza. Abbiamo delle belle aspettative per questo Mondiale, il nostro livello è buono e mettendoci impegno e volontà abbiamo la possibilità di arrivare a medaglia. All’ultimo Europeo (nel 2019, ndr) l’Italia ha vinto l’oro continentale battendo in finale la Russia; è proprio la Russia, assieme alla Polonia, la squadra da battere”.

    Lorenzo Cavasin, opposto trevigiano in forza all’U19/seconda divisione di Silevolley Casale, è invece al primo anno in Nazionale: “Quella di quest’estate è in assoluto la mia prima esperienza in una squadra di sordi. Essere catapultati all’improvviso dalla mia società alla Nazionale seniores è stato incredibile e sono davvero orgoglioso di avere questa opportunità e di vestire la maglia azzurra – spiega emozionato – Sono il più giovane della squadra ma darò tutto me stesso per aiutare i miei compagni, è un gruppo speciale con il quale sono onorato di giocare. Speriamo di far bene sin dall’inizio in questo Mondiale, sarà un lungo percorso e abbiamo delle buone carte da giocarci. Russia e Ucraina le favorite”.

    Sostieni Volleyball.it