Il Volley è uno solo: la nazionale sorde al Foro Italico

    ROMA – Semplicemente meraviglioso. Vedere il Foro Italico pieno, con 11mila persone festanti, ed essere lì, tra il pubblico, è stato davvero qualcosa che le ragazze della nazionale femminile di pallavolo sorde si ricorderà per tutta la vita.

    Accompagnate dai membri della Federazione Sport Sordi Italia, il presidente Guido Zanecchia e il team Manager Professor Massimiliano Bucca, le ragazze hanno assistito emozionate, grazie al gradito invito della Federazione Italiana Pallavolo, alla gara di esordio dei Mondiali di pallavolo maschile: Italia-Giappone, 3-0, e una cornice romana che nessuno, né chi era in campo, né chi era sugli spalti, potrà dimenticare facilmente.

    Non solo. Prima di entrare nell’impianto solitamente teatro del tennis, la nazionale ha potuto provare a giocare a sitting volley, grazie a tre campi montati fuori dal Foro dove Nadia Centoni e Andrea Lucchetta – nomi della pallavolo del recente passato – hanno insegnato a più di 1000 persone i fondamentali della versione paralimpica della volley. Una tappa del progetto “Volley Insieme” che si ripeterà anche settimana prossima quando, a Firenze, in occasione di Italia-Repubblica Dominicana, le ragazze di coach Alessandra Campedelli e del direttore tecnico Loredana Bava segneranno l’inno davanti al pubblico del Pala Nelson Mandela prima del match: un’emozione che tutto il mondo dello sport sordi si sta già pregustando.

    Appuntamento, quindi, sempre in compagnia degli sponsor della pallavolo femminile sorde, la Cattolica Assicurazioni, TeamSport ID e Only4 Team, per il 16 settembre, ore 21.

    Sostieni Volleyball.it