Le riunioni zonali Tre.Uno ai tempi del covid-19: nello scorso week-end le videoconferenze con le società

    L'attività del Comitato Territoriale Tre.Uno
    L'attività del Comitato Territoriale Tre.Uno

    TREVISO – Nello scorso fine settimana il Comitato Territoriale Fipav Treviso Belluno ha incontrato le società del territorio tramite una serie di videoconferenze, nelle quali è stato fatto il punto della situazione e sono state esposte le prime misure prese dalla Federazione e dallo stesso Comitato per quanto riguarda la programmazione della prossima stagione, pur con tutti i punti di domanda che permangono ad oggi.

    Dopo la condivisione con le società del Bilancio 2019, il Comitato ha esposto la decisione del Consiglio Federale di convertire, dalla prossima stagione, i campionati giovanili: sia nel settore maschile (in modo permanente) che in quello femminile (probabilmente per due sole stagioni), infatti, i campionati previsti saranno di categoria under 13, 15, 17 e 19, con under 14 in attesa di conferma regionale. Il cambiamento consentirà agli atleti che quest’anno non hanno potuto concludere i campionati di continuare nel 2020/21 nello stesso gruppo e di avere quindi la possibilità di compiere tutte le tappe del percorso di crescita.

    Altro argomento delle riunioni è stato il probabile inizio dei vari tornei: il termine per le iscrizioni ai campionati di serie A è già stato posticipato al 15 luglio, e le date limite per i campionati di serie B, C e D slitteranno di conseguenza. Il ritardo causerà una compressione della stagione che renderà difficile la disputa di Coppa Tre.Uno nel mese di settembre, rendendo necessaria, nel caso si decidesse di giocarla, una formula più breve.

    Per quanto riguarda le classifiche di integrazione, saranno stabilite sui risultati della stagione 2019/20; i dettagli sono ancora in fase di discussione dalla Federazione Italiana, ma potrebbero venire prese in considerazione le classifiche all’ultima giornata disputata. Per la cessione dei diritti il Consiglio Federale sta invece valutando formule più elastiche (per la serie B) e con costi ridotti.

    Dal punto di vista economico, ribadita la possibilità di richiedere la restituzione delle tasse relative alle gare non giocate o di metterle a credito per la prossima stagione, il Comitato ha annunciato alle società che la Fipav centrale, oltre ad aver chiesto al Ministro dello Sport Spadafora un contributo per le società di base, sta mettendo in cantiere diverse iniziative per aiutare le stesse, togliendo o diminuendo le spese relative ad affiliazione e tasse federali, compatibilmente con il budget che riuscirà a mettere sul piatto.

    Infine, prima di lasciare la parola ai rappresentanti delle società (sono stati 81 i club partecipanti alle videoconferenze sui 90 affiliati), Fipav Tre.Uno ha annunciato che, se ci saranno le risorse, verrà assegnato anche per il biennio che sta per concludersi il Bonus Volley S3, un premio in materiali sportivi alle società più virtuose nella fascia dei più piccoli. Le società, tramite un sondaggio, potranno scegliere se ricevere il Bonus S3 oppure un Bonus “Comitato”, un premio in denaro stabilito in base al numero di iscrizioni della società ai campionati di base nella stagione 2019/20.

    Sostieni Volleyball.it