Coppa Italia: Perugia conquista il pass per la Final Four. 3-0 a Padova, Leon MVP

387

QUARTI DI COPPA ITALIA
Sir Safety Conad Perugia – Kioene Padova 3-0
(25-15, 25-23, 25-21)
Sir Safety Conad Perugia: Giannelli 3, Anderson 9, Ricci 4, Rychlicki 11, Leon Venero 17, Solé 7, Piccinelli (L), Travica 0, Colaci (L), Plotnytskyi 0. N.E. Ter Horst, Dardzans, Mengozzi, Russo. All. Grbic.
Kioene Padova: Zimmermann 0, Loeppky 3, Vitelli 5, Weber 11, Bottolo 10, Volpato 1, Bassanello (L), Takahashi 3, Schiro 0, Gottardo (L), Crosato 2, Zoppellari 0, Canella 0. N.E. Petrov, Guzzo. All. Cuttini.
ARBITRI: Frapiccini, Cappello.
NOTE – durata set: 24′, 28′, 27′; tot: 79′.

MODENA – La Sir Safety Conad Perugia conquista il quarto pass per le semifinali di Coppa Italia in programma a Bologna il 5 e 6 marzo.
Gli umbri con il 3-0 alla Kioene Padova hanno conquistato il diritto per la semifinale che giocheranno il 5 marzo contro la Gas Sales Bluenergy Piacenza alle 15.15.
Alle 17.30 la seconda semifinale tra Itas Trentino e Allianz Powervolley Milano.

Prova concreta degli uomini di Nikola Grbic che, dopo un primo set dominato 25-15, soffrono un po’ nel secondo e terzo parziale la reazione della formazione di coach Cuttini, ma restano lucidi e si affidano alla loro armi principali, il sevizio (4 ace) ed il muro (7 vincenti, 3 di un ottimo Solè). 25-22 e 25-21 i parziali che decretano la vittoria degli uomini del presidente Sirci che in semifinale troveranno Piacenza, prossimo avversario anche domenica in campionato sempre al PalaBarton.
Mvp della sfida Wilfredo Leon che ne mette 17 con 4 ace e dei turni dai nove metri mortiferi per Padova. Doppia cifra in casa Sir anche per Rychlicki con 11 palloni a terra, 9 i sigilli di Anderson e solita prestazione tutta sostanza di Giannelli in regia e di Colaci in seconda linea.

HANNO DETTO
Kamil Rychlicki
(Sir Safety Conad Perugia): “Stasera dovevamo vincere e lo abbiamo fatto prendendoci la qualificazione alla Final Four. Sono contento per il 3-0, anche se in alcuni momenti non siamo stato perfetti commettendo qualche errore di troppo. Però credo che alla fine abbiamo dimostrato un livello di gioco superiore”.
Jacopo Cuttini (Coach Kioene Padova): “Non era facile venire qui ad affrontare la squadra in testa al campionato dopo oltre due settimane di stop forzato. All’inizio forse eravamo un po’ spaesati, poi siamo entrati in partita e non abbiamo mollato. I ragazzi mi sono piaciuti e sono contento di aver dato spazio a tutti perché bisogna ritrovare velocemente ritrovare il ritmo partita. Ora testa al campionato: sabato ci aspetta una sfida difficile contro una Verona che ha alzato il livello rispetto a quando li abbiamo affrontati nel girone di andata”.

LA PARTITA –  Formazione tipo per Grbic con Ricci in coppia con Solè al centro. Primo break del match con l’attacco out di Bottolo (3-1). Pipe di Anderson, poi pallonetto di Leon (5-1). Doppia diagonale vincente per Anderson, poi pipe di Leon (11-4). La seconda linea di Perugia tira su tutto ed Anderson capitalizza (13-4). Doppietta (attacco e muro) di Ricci (15-5). Rychlicki gioca bene sulle mani del muro avversario (20-10). Il neo entrato Takahashi accorcia (21-13). Diagonale vincente di Bottolo (22-15). Muro imperioso di Rychlicki, set point Perugia (24-15). Chiude subito l’opposto lussemburghese (25-15).

Avvio equilibrato di secondo set con il muro di Solè che vale il 3-3. Si gioca punto a punto con Rychlicki a bersaglio da posto due (7-7). Fuori il primo tempo di Solè, ace di Crosato e Padova scappa (9-12). Fermato Leon a muro (12-16). Lo stesso Leon dimezza (14-16). Muro di Solè (15-16). Ancora muro dell’argentino e parità (17-17). Perugia sorpassa con Leon (18-17). Giannelli vince l’ingaggio sotto rete (20-18). Fuori Loeppky (22-19). Bottolo riporta Padova a contatto (23-22). Rychlicki porta Perugia al set point (24-22). Il servizio in rete di Vitelli propizia il raddoppio perugino (25-23).

Solè spinge Perugia nel terzo set (4-1). Ace di Leon a 134 Km/h, poi ancora Solè (7-2). Una furia Leon dai nove metri (9-2). Bottolo accorcia (11-6). Doppio ace di Vitelli (13-10). Leon va girare Perugia (14-10). Ancora un break per gli ospiti (14-12). Pesta la linea dei tre metri Rychlicki, squadre a contatto (14-13). È ancora il turno dai nove metri di Leon a dare linfa ai bianconeri di casa (17-13). A segno Anderson (18-13). Takahashi non ci sta (19-16). Un cecchino Anderson (21-16). Leon in parallela (23-18). Padova non muore mai (23-20). Solè porta Perugia al match point (24-20). Il servizio out di Weber manda i Block Devils alla Final Four (25-21).

 

Sostieni Volleyball.it