Da Serramazzoni alla Serie B: Fabio Pieroni arriva alla vetta per percorso giovanile

Fabio Pieroni, classe 2001, sarà il libero della Serie B Maschile, accanto a Simone Golinelli. Dopo un percorso sportivo ineccepibile, partito da molto giovane nelle giovanili della Scuola di Pallavolo Serramazzoni, è approdato a Modena due anni fa, e proprio qui ha avuto la possibilità di dimostrare tutte le sue potenzialità di libero, esprimendosi al meglio nei campionati regionali giovanili e di serie.

Fabio, che aspettative hai per la prossima stagione sportiva? 
Per la prossima stagione ho già grandi aspettative, sono pronto ad affrontare il campionato di Serie B con grande motivazione e impegno. Penso che saremo in grado di raggiungere i nostri obiettivi e toglierci certe soddisfazioni, per le potenzialità di cui disponiamo e per il gruppo che si è formato.

Da Serramazzoni alla Serie B: cosa si prova?
Io ho cominciato a giocare alla Scuola di Pallavolo Serramazzoni, dalle squadre giovanili fino all’anno dell’esordio in Serie D, anno in cui abbiamo raggiunto i playoff per la C. Poi ho fatto la scelta di andare a giocare a Modena, è stata una scelta non facile ma che si è rilevata del tutto appagante: durante il primo anno ho partecipato all’Under 18, all’Under 20 (categoria in cui ci siamo laureati Campioni Regionali, raggiungendo così le Finali Nazionali) e al campionato di Serie D, dove, dopo alcune difficoltà iniziali, siamo stati capaci di raggiungere la finale playoff. Durante il secondo anno, invece, ho affrontato nuovamente le categorie giovanili di Under 18 e 20, di cui siamo stati per la seconda volta Campioni Regionali, e ho preso parte al campionato di Serie C; dal periodo di Natale ho iniziato a fare la mia prima esperienza in Serie B e questo mi ha aiutato molto a crescere sotto diversi punti di vista.

Che obiettivi ti dai per la prossima stagione?
Giocare in una Serie B, per lo più fin da subito titolare, non è sicuramente una cosa che capita spesso, è un campionato di alto professionismo che dà grande soddisfazione ma anche forti responsabilità. Grazie a questa esperienza potrò migliorare e imparare ogni volta, ascoltando i consigli dello staff e dei compagni, e non mi riferisco solamente al punto di vista tecnico, ma anche tattico e, soprattutto, mentale. Per me, la più grande sfida sarà quella di riuscirmi a giocare il posto, dimostrando ciò di cui sono capace e continuando il bellissimo percorso iniziato lo scorso Natale. Da giocatore più piccolo e più inesperto della squadra mi allenerò ogni giorno il meglio possibile, con grande determinazione e forza di volontà, perché si sa che solo così si possono raggiungere certi traguardi e aspirazioni. Sono davvero contento e orgoglioso, ringrazio tutti quelli che mi hanno dato questa possibilità e non vedo l’ora di iniziare.

Sostieni Volleyball.it