Del Monte Coppa Italia: Civitanova rimonta Trento. Da 0-2 a 3-2

Esultanza Juantorena a fine gara. foto Daniela Tarantini

SEMIFINALE
Cucine Lube Civitanova – Itas Trentino 3-2
(15-25, 20-25, 25-16, 25-21, 15-12) – i tabellini
Cucine Lube Civitanova: Mossa De Rezende 2, Juantorena 14, Anzani 3, Rychlicki 22, Leal 14, Simon 17, Marchisio (L), Balaso (L), Kovar 1, Diamantini 1, Bieniek 5. N.E. D’Hulst, Ghafour, Massari. All. De Giorgi.
Itas Trentino: Giannelli 0, Russell 17, Candellaro 5, Vettori 14, Cebulj 11, Lisinac 20, De Angelis (L), Grebennikov (L), Djuric 1, Kovacevic 1. N.E. Daldello, Sosa Sierra, Codarin. All. Lorenzetti.
ARBITRI: Puecher, Tanasi.
NOTE – durata set: 27′, 29′, 26′, 30′, 21′; tot: 133′.

BOLOGNA – Dominata da un’ottima Itas Trentino nei primi 2 parziali la Cucine Lube Civitanova trova la forza per reagire e per andare a prendersi la quarta vittoria stagionale in altrettanti incontri contro i trentini. Per i marchigiani è anche la quarta finale di Coppa Italia consecutiva.

PIU’ E MENO – La Lube soffre al servizio (ben 22 errori, 5 nel tie-break, e soli 5 ace, fondamentale che è positivo solo nel 3° set) e fatica in attacco con Leal (0% di eff. e 36% di vinc.), ma nel quarto set si aggrappa a Simon (11 punti nel set con 4 muri, 1 ace e l’86% in att.) e può contare per tutto il match sul miglior Rychlicki della stagione: 22 punti col 57% in att. (40% di eff.) e 2 ace per il lussemburghese che è anche il top scorer del match.
Trento ha dalla sua un ottimo Russell (68% in att. con 0 errori e 0 murate) ed un Lisinac a tratti straordinario (alla fine 20 punti, 56% in att., 6 muri e 4 ace), ma l’attacco del centrale serbo si inceppa negli ultimi 2 parziali. Match in calando anche per Cebulj (nei primi 2 set incisivo a muro e in battuta) che alla fine chiude col 23% di vinc. e l’8% di eff. e prova sottotono di Vettori (36% di vinc. e 12% di eff. in att.) che sbaglia anche il pallone decisivo.

Simon saluta i tifosi_ 11 punti per lii nel solo 4° set! – foto Daniela Tarantini

LA CHIAVE – Dopo un avvio a spron battuto (5 ace e 6 errori e tante battute incisive nei primi 2 set), il servizio trentino cala alla distanza (solo 2 ace e 10 errori negli ultimi 3 set) e la formazione di Lorenzetti non riesce a chiudere la partita.

I SESTETTI – Lube in formazione tipo con Bruno-Rychlicki; Leal-Juantorena, Simon-Anzani e Balaso libero. Trento ancora senza Kovacevic schiera Giannelli-Vettori, Russell-Cebulj, Lisinac-Candellaro e Grebennikov.

LA PARTITA
1° set: Trento piazza i primi break con Cebulj a muro (0-1) e in battuta (1-3). Un cartellino rosso per Leal che protesta anche dopo il videocheck costa il 4-7. Problemi anche per Simon che nella stessa azione viene prima difeso e poi murato da Lisinac: 5-9. Vettori mura Leal (5-10) e De Giorgi spende il suo unico time-out. Trento doppia la Lube con l’ace di Vettori: 6-12. Primo set da dimenticare per la Lube che sbaglia anche con Anzani (7-14 con doppio videocheck). Russell punisce una ricezione lunga (9-17) ed a poco serve che Leal accorci le distanze: 12-18. Infatti Anzani sbaglia ancora (14-22), Rychlicki si fa murare (14-23) e Lisinac chiude con un ace: 15-25.

2° set: Lisinac è scatenato anche nel 2° set: muro su Leal (1-2) ed ace (2-4). Trento allunga ancora con 2 muri consecutivi di Cebulj: su Leal (6-9) e Rychlicki (6-10). De Giorgi spende il time out, ma la Lube è in affanno in ricezione: free ball chiusa d Russell (6-11), slash per Lisinac (6-12). Dentro Bieniek per Simon. Leal prova ad accendere la Lube con un muro su Vettori (8-12), ma è lo stesso Vettori a vincere il successivo spettacolare scambio prolungato: 8-13. Sull’11-15 entra anche Diamantini per Anzani, ma la Lube torna a -6 sull’attacco out di Rychlicki: 12-18. I marchigiani però non mollano: Bruno mura Cebulj (15-19) e Rychlicki trova l’ace del -3: 16-19. Cebulj concede il 17-19 e lascia il posto a Kovacevic. Leal mura Vettori e riapre il set (18-19), ma Rychlicki serve out (18-20) ed il rientrante Cebulj trova l’ace del 18-21. Leal non riesce ad evitare i tentacoli di Lisinac contro il muro a 3 piazzato (18-22) ed il muro di Trento fa buona guardia anche su Rychlicki: 20-24. L’errore in battuta di Bieniek chiude il set sul 20-25.

3° set: Tornano Simon, resta Diamantini. Stavolta è la Lube a provare la fuga. Ace di Rychlicki (2-0), muro di Leal su Vettori (3-0) e doppio ace di Leal (6-1) con time out nel mezzo. Russell accorcia le distanze in contrattacco: 7-4, Leal le ristabilisce da posto 4 (11-6), ma poi sbaglia: 11-8. E’ Juantorena a riportare la Lube a +5: 15-10, poi Leal affonda il 18-12. Nel finale di set Lorenzetti fa riposare Vettori, Russell e Cebulj inserendo Djuric, Kovacevic e Michieletto che devia un muro su Candellaro destinato out: 23-16. Il 24-16 è di Rychlicki in contrattacco, poi chiude il muro di Diamantini e Bruno su Michieletto: 25-16.

4° set: La Lube parte bene: Simon finalmente ferma Lisinac, Leal mura Vettori e Simon vince uno scambio un po’ confuso (3-0). Simon mura la pipe di Cebulj (6-2), ma il nastro regala un ace a Lisinac: 6-4. Juantorena sparacchia out l’8-7, poi sbaglia anche Diamantini dopo una serie di difese di Trento: 8-8. La Lube non riesce ad uscire dalla P1 con Leal in affanno in ricezione e Vettori firma il sorpasso: 8-9. Dopo il punto sudato di Juantorena (9-9) torna Anzani per Diamantini. Leal e Lisinac vengono murati in contrattacco (10-10). Spettacolo in campo per l’11-10 chiuso da Rychlicki dopo un gran recupero difensivo completato da Anzani. Altro contrattacco murato a Leal (12-12) che viene sostituito da Kovar. E’ un ace di Simon a spezzare l’equilibrio: 15-13. Kovacevic entra in seconda linea per Cebulj. Il serbo resta anche in prima linea e mura Rychlicki (17-16), ma non chiude in attacco e sugli sviluppi Simon piazza un murone su Lisinac: 19-16. Ancora Simon firma il 21-17 con uno slash (mezzo punto di Rychlicki) e il 22-17 a muro. Il cubano aggiunge altri 2 punti al suo tabellino (24-19) e dopo il muro di Vettori su Juantorena (24-21) è Juantorena a chiudere sul 25-21.

5° set: Lube con i centrali stranieri e Kovar, torna Cebulj per Trento. Il primo break point è di Rychlicki in contrattacco: 4-3. Il lussemburghese fa il bis dopo una difesa dei compagni su Cebulj: 5-3. Lisinac pareggia con un ace: 5-5. Per un nuovo break point bisogna attendere il muro di Lisinac su Kovar: 9-10. Lo stesso Lisinac però concede l’11-10 attaccando out. Si procede punto a punto poi è fatale a Trento l’errore di Vettori (14-12) e Bieniek chiude murando Cebulj dopo ricezione negativa: 15-12.

Sostieni Volleyball.it