Del Monte Coppa Italia: Padova che inizio. Mura Cisterna e si qualifica

496
Stern a muro su Tillie

DEL MONTE COPPA ITALIA – 3. GIORNATA OTTAVI DI FINALE – GIRONE B
Kioene Padova – Top Volley Cisterna 3-2 (20-25, 25-21, 19-25, 25-23, 15-13)
Kioene Padova: Shoji 7, Wlodarczyk 18, Vitelli 8, Stern 26, Bottolo 8, Volpato 8, Gottardo (L), Danani La Fuente (L), Casaro 0, Canella 3, Merlo 0, Milan 0. N.E. Bellomo, Fusaro. All. Cuttini.
Top Volley Cisterna: Sottile 1, Tillie 14, Szwarc 9, Onwuelo 18, Randazzo 13, Rossi 6, Rondoni (L), Cavuto 1, Cavaccini (L), Seganov 2, Rossato 1. N.E. Krick. All. Tubertini.
ARBITRI: Piana, Papadopol.
NOTE – durata set: 24′, 27′, 27′, 34′, 20′; tot: 132′. Spettatori: 301 Incasso: Euro 1175 MVP: Stern

PADOVA – Si torna alla Kioene Arena per la terza e conclusiva giornata del girone B degli Ottavi di Coppa Italia, per la sfida decisiva con la Top Volley Cisterna. Gara equilibrata e combattuta, con le squadre che si alternano nella vittoria dei set e nella conduzione del gioco. Ma quando Padova vince il quarto, ha ormai già conquistato matematicamente il passaggio di turno. Al tie-break, Cisterna si fa beffare proprio sul finire da una Kioene, che non molla.

SESTETTI – Coach Cuttini conferma 6/7 del sestetto della sfida di Mercoledì a Piacenza, facendo partire Bottolo al posto di Milan, in coppia con Wlodarczyk, poi schiera Shoji-Stern, i centrali Volpato e Vitelli, a chiudere il libero il confermato Santiago Danani.
La Top Volley (senza Sabbi e con Krick solo in panchina) scende in campo con Sottile in diagonale con Onwuelo, al centro Rossi e Szwarc, di banda Tillie e l’ex Randazzo, libero Cavaccini.

I PIU’ E I MENO – Se in attacco le squadre si equivalgono (44% per Padova, 42% per Cisterna) ed in battuta la Kioene regala 23 punti contro i 18 ospiti, in tutti gli altri fondamentali i veneti sbaragliano gli avversari: 17 muri padovani, contro i 5 pontini; 11 ace a 7, 53% in ricezione contro il 44%. Best scorer ed MVP con 26 punti Stern, con il 63% in attacco.

COSA VI SIETE PERSI – Il finire di tie-break, sebbene il set sia inutile ai fini del passaggio di turno, gli animi si scaldano anche troppo. Sul 13 pari Canella anticipa a rete una ricezione lunga, Cisterna protesta per un presunto tetto, ma non chiede nemmeno il video check, perché Segonov calcia il pallone in tribuna e si prende cartellino giallo e rosso insieme, venendo espulso. Alla palla successiva, ricezione lunga pontina, Wlodarczyk anticipa di potenza e chiude la partita.

LA PARTITA – La sfida inizia subito con un equilibrio sostanziale: palle ben distribuite da entrambe le parti, con Bottolo ed Onwuelo protagonisti, ma anche con qualche errore di troppo al servizio (8-8). Padova fa e disfa, con 3 errori di fila concede il doppio vantaggio agli ospiti (14-16). Il gap raddoppia con il mani out di Randazzo (17-21), ma cresce Tillie e Cisterna si prende il primo set con un ace di Rossi.
Parte bene la Kioene in avvio di secondo parziale, grazie a Stern, che insieme a Bottolo porta Padova sul 6-4. Wlodarczyk inizia a farsi vedere e segna l’allungo 14-10 con un ace, che costringe Tubertini al time out. Al rientro, però, Vitelli dà la carica, che spinge i veneti al 18-11. Dal 24-17 ad opera di Wlodarczyk, Padova perde qualche scambio e sotto i colpi dai 9 metri di Swarc vede riavvicinarsi la Top Volley. Ci pensa Wlodarczyk a chiudere il set dopo 4 set ball.
Riparte Seganov al paleggio per Sottile e Cisterna prova a portarsi avanti (4-5), ma Padova resta incollata fino al 9-11 di Rossi. Bottolo accorcia a muro, ma due errori banali dei veneti fanno scappare Cisterna a +3 (10-13). Quando la Top Volley allunga 15-20 Cuttini inserisce Milan per Bottolo, ma i pontini allungano ancora con Tillie e Randazzo (16-23). Chiude il fallo di 2^ linea di Wlodarczyk.
Nella quarta frazione inizia meglio Cisterna con Szwarc, ma dall’1-3 Padova, aiutata da un ottimo turno dai 9 metri di Shoji, mette un parziale di 5-0, che ribalta la situazione. La Kioene con Volpato allunga 15-9, ma la Top Volley non molla e si riavvicina 15-13 costringendo Cuttini ad interrompere il gioco. Padova allunga di nuovo, ma Cisterna si rifà sotto sul finire di set e annulla due set ball, prima di cedere sotto il muro di Vitelli, che porta al tie-break.
Al quinto set spinge Cisterna con Onwuelo, poi con Tillie si porta 5-8 al cambio di campo. Wlodarczyk riporta in parità la Kioene (9-9). Si gioca palla su palla, il muro di Canella vale il sorpasso. Cisterna perde la testa, Padova resta fredda sottorete e anticipando a rete gli avversari si prende set e partita.

HANNO DETTO

Marco Vitelli (Kioene Padova): “Questa squadra mi piace perché gioca anche quando manca la prestazione del singolo. Non molliamo mai una palla, per questo le nostre gare sono sempre sofferte e avvincenti. Noi ci siamo sempre”.

Andrea Rossi (Top Volley Cisterna): “Nonostante fossimo arrivati molto concentrati alla gara, non siamo stati capaci di concludere. Abbiamo subito in ricezione e a muro, specie su Stern che ha fatto una gran gara. Peccato perché questa sera la partita era alla nostra portata”.

Sostieni Volleyball.it