Del Monte Supercoppa: Zaytsev nuovo capitano gialloblu. “Non sono stanco, Modena mi ha caricato moltissimo”

MODENA – A poche ora dalla partenza per Perugia in casa Azimut Modena Volley Ivan Zaytsev ufficializza il suo nuovo ruolo di capitano della squadra gialloblù. “Così mi han detto – sottolinea l’opposto umbro –  E’ una responsabilità, soprattutto a Modena. E’ una cosa che non mi spaventa, ma mi riempie d’orgoglio e mi stimola a far parlare il campo. Spero di far parlare per le prestazioni. Per me sarebbe importante essere un punto di riferimento per Modena”.

Vigilia di Supercoppa, come la vivi? “E’ una vigilia serena e tranquilla. Fortunatamente Velasco ci sta dando grattacapi e ci mette tensione in campo per migliorare da subito e trovare meccanismi di gioco non facili da avere… Non pensiamo agli avversari, a nulla, solo a noi. La semifinale sarà una partita tosta, la Lube si è rinforzata parecchio”.

Dopo il Mondiale come ti senti? Sei stanco? “No, stanco no. La stanchezza è una questione di testa. La stanchezza arriva quando si è stanchi di testa e io ora non lo sono perché questa nuova avventura mi sta caricando moltissimo, sono al 300 per cento… Sono carico come tutti gli altri ragazzi. Tutti focalizzati sul migliorare se stessi e la squadra”.

Cosa ti aspetti dal ritorno a Perugia? “Mi aspetto di tutto dagli applausi alle uova marce. Nel secondo caso meglio così perché vuol dire di essere temuto”.

La Supercoppa un terno al lotto per tutte… “E’ l’occasione per disputare due partite di alto livello ad inizio stagione. C’è subito un trofeo in palio, nessuno si tirerà indietro, si andrà per vincere anche se i meccanismi non sono perfetti, ma è sempre così ad ogni vigilia di Supercoppa”.

Le altre più forti? “Parlerà il campo, parleranno gli equilibri sul campo. La Lube lo scorso anno doveva vincere tutto ed è rimasta a zero. I nomi non scendono in campo. Noi, in teoria, partiamo un gradino sotto, il tutto dipende però dall’amalgama di squadra”.

Il feeling con Christenson? “Micah mi ha alzato la prima palla e gli ho detto va bene così. E’ un signor palleggiatore. Speriamo di far divertire tutta Modena”.

Sarà la prima stagione dove torni a giocare da opposto dopo due annate. La cosa ti lascia più libero di testa? “Io sono sempre focalizzato a migliorarmi continuamente, so di aver perso colpi e direzioni, un po’ di sfacciataggine nel ruolo… Piano piano arriverà”

Potresti tornare in posto 4 in nazionale? “Non ne ho idea, non ci voglio pensare, ora non me ne frega nulla. Ci penserò una volta caduto l’ultimo pallone a Modena”.

Sostieni Volleyball.it