Vertici mondiali… Magri, Graça, Wei e Arena – foto fivb
BELLARIA – L’esito elettorale di Bellaria avrà ripercussioni anche in chiave internazionale. Non positive per il movimento italiano che mai come ora avrebbe invece bisogno di validi e amichevoli interlocutori ai vertici del movimento europeo e mondiale.

Se ieri Carlo Magri si vantava dell’importanza dell’Italia all’interno delle stanze dei bottoni, grazie anche alla presenza di Renato Arena che vestiva ruoli di prestigio e peso internazionale sia in FIVB che in CEV, lo stesso non devono aver pensato o apprezzato i votanti nel momento di recarsi alle urne nel corso dell’Assemblea Nazionale, visto che il candidato siciliano non è riuscito ad entrare nel novero dei sette consiglieri federali eletti.

Oggi, non sentendosi quindi appoggiato e rappresentante del movimento italiano, Renato Arena ha rimesso gli incarichi sia in FIVB e in Cev. 

Per il movimento italiano un problema importante da affrontare… Inoltre, se (si legge) Magri voleva Arena in consiglio e non è riuscito a farlo eleggere, ci chiediamo che peso ha il presidente federale (al di là del 93% dei voti presi, come unico candidato) con questo consiglio ristretto?