SEMIFINALE 
SERBIA – ITALIA 3-1 (25-22 25-21 21-25 25-20) – il tabellino

ANKARA – Rivincita rinviata. La Serbia ha ancora una marcia in più, l’Italia accusa l’impegno e regala troppo ad un avversario concreto.

Domani alle 16 la finale per il bronzo contro la perdente di Turchia-Polonia.

Gara in diretta Rai2 e Dazn (Segui live l’Europeo Femminile e anche il prossimo Europeo Maschile su DAZN. Attiva il tuo mese gratis entro il 6/10/2019clicca qui)

SESTETTI – Come formazione iniziale il ct Mazzanti ha schierato Malinov in palleggio, opposto Egonu, schiacciatrici Sylla e Sorokaite, centrali Chirichella e Folie, libero De Gennaro. Nessuna sorpresa nemmeno da parte di Terzic che ha confermato Ognjenovic, Boskovic, Mihajlovic, Busa, Mina Popovic, Veljkovic e Silvija Popovic.

LA GARA – Nel primo set l’Italia è partita con l’atteggiamento giusto, mentre la Serbia ha faticato a replicare (8-4). La nazionale tricolore ha tenuto un buon ritmo e ha condotto il gioco sino al (14-10), poi la Serbia ha spinto forte in battuta (15-13). Le azzurre hanno accusato in difficoltà in ricezione, permettendo alle avversarie di accorciare ulteriormente (17-16). Le centrali serbe hanno avuto buona continuità, Paola Egonu, però, ha tenuto le compagne a contatto (20-19). Nel finale il contrattacco di Boskovic (20-21) e gli errori di Folie (20-22) ed Egonu (21-24) hanno spianato la strada alla Serbia che ha chiuso sull’error in battuta di Sorokaite (22-25).
Le azzurre hanno cercato di reagire nel secondo (7-4), ma la Serbia non ha permesso la fuga e con due muri consecutivi su Sorokaite ed Egonu ha riportato la situazione in parità (9-9). Nelle fasi successive la nazionale tricolore ha commesso molti errori e le avversarie sono balzate al comando (12-16). Orro ha preso il posto di Malinov e il cambio, sommato soprattutto all’ottimo turno in battuta di Egonu, ha ridato speranza all’Italia (17-17). Il set è proseguito punto a punto, azioni lunghe e combattute (20-20), finché altri 3 errori in attacco di Egonu (cinque consecutivi nel finale di set) hanno condannato le ragazze di Mazzanti (20-22, 20-23 e 21-25).
Il terzo parziale ha visto le serbe allungare nelle prime fasi (6-8), in poche azioni l’Italia ha colmato il gap e s’è portata davanti (11-9). Le due squadre hanno viaggiato di pari passo, sino a quando due aces consecutivi di Boskovic hanno spinto la Serbia sul (15-16). Superato il momento di difficoltà, Egonu (8 punti) e compagne hanno risposto con forza (20-18). Il servizio di Sorokaite ha creato grossi problemi alla ricezione avversaria e la nazionale tricolore ha guadagnato un buon vantaggio (22-18). Nel finale Malinov e compagne hanno spinto sull’acceleratore e due punti consecutivi di Egonu hanno chiuso il set (25-21).
La reazione serba è arrivata al rientro in campo (4-7) e l’Italia, dentro Fahr per Folie, s’è gettata all’inseguimento. Le ragazze di Mazzanti hanno trovato la parità sul (9-9), poi sono incappate in un lungo passaggio a vuoto e le avversarie ne hanno approfittato (10-15). La nazionale tricolore, dentro Nwakalor e Orro per Egonu e Malinov, ha dato tutto per rimontare (18-20), senza però riuscire nell’impresa (20-25).