Luna Carocci, spalle all’azzurro – foto Cev
MONZA – C’è un caso Carocci in seno alla nazionale femminile, ma pare dovuto più al destino avverso che alla cattiva volontà dei protagonisti, anche se in casa Fipav non si brilla per tempismo (mera sfortuna) e peso politico in ambito europeo…

Il caso vuole che il giovane libero di Villa Cortese, convocato e impegnato durante la Palladium Cup, per l’indisponibilità di Merlo e Leonardi (Cardullo è irrimediabilmente out per l’infortunio accusato nel World Grand Prix) fosse rientrato nei piani azzurri in chiave Europei per rivestire i panni di secondo libero.

Ai tempi del recente torneo vicentino Barbolini dovendo ancora verificare la condizione di Merlo e, nel frattempo, indisponibile anche Leonardi, ha provveduto a convocare la giovane neo cortesina, inserita originariamente nella lista delle 40 azzurrabili per l’Europeo.

Il caso è di oggi quando si viene a conoscenza che Luna Veronica Carocci non potrà disputare il campionato Europeo.

Il motivo è presto svelato, il libero azzurro non era stato inserito in data 22 agosto scorso, data della scadenza dei termini, nella lista delle 22 azzurre per l’Europeo. In quella data infatti Barbolini aveva già fatto una preliminare scelta, inserendo nella lista tre liberi, Cardullo, Merlo e Leonardi.

Lista blindata per la Cev e soddisfacente per il Ct azzurro, finché il 25 agosto Cardullo manda in archivio i sogni di europeo per lo scontro con Piccinini

A seguire, pochi giorni dopo anche Enrica Merlo accusa problemi fisici che la costringono out… Ed ecco che la lista di liberi si riduce a una, con la stessa Giulia Leonardi alle prese con noie muscolari.

Ed ecco l’inghippo. La Fipav chiede una sostituzione straordinaria di uno dei tre liberi, mandando una documentazione attestante la situazione di Cardullo (frattura scomposta al quarto metacarpo della mano destra, è stata subito operata a Macao), nel frattempo convoca Carocci (fax di ieri alle 15.30) in una lista di 14 azzurre composta dalle palleggiatrici Lo Bianco e Ferretti, le centrali Gioli, Anzanello, Arrighetti e Guiggi, le schiacciatrici Piccinini, Bosetti, Del Core, Costagrande e Barcellini, l’opposto Ortolani e i liberi Leonardi e Carocci. Una lista che a una settimana dal via della rassegna sa tanto di promozione al ruolo di azzurra in vista del torneo continentale.

Si capisce quindi lo scoramento dell’atleta (e siamo certi anche l’incazzatura del Ct) quando la Cev, poche ore dopo questa convocazione ufficiale (del Settore Squadre Nazionali), comunica di non aver accettato la domanda di sostituzione straordinaria che mette il team azzurro nella disponibilità di un solo libero e la necessità di doverne indicare un secondo (tra la lista delle 14 da consegnarsi il prossimo 22 settembre) scegliendolo tra le 22, con tutte le difficoltà del caso…