Europei: La Serbia è l’ultima semifinalista. 3-0 alla Bulgaria

Serbia vincente. Ora la semifinale contro la Germania

Quarto di finale 
Serbia – Bulgaria 3-0 (25-21, 25-22, 28-26) – il tabellino

CRACOVIA – Sarà la Serbia ad affrontare la Germania in semifinale. La formazione di Grbic ha battuto 3-0 la Bulgaria controllando sin dall’inizio il primo parziale e poi vincendo in rimonta sia il secondo che il terzo, quest’ultimo caratterizzato da un finale a dir poco rocambolesco.

PIU’ E MENO – Luburic (nuovamente schierato titolare al posto di Atanasijevic) è il top scorer dei suoi con 13 punti (ma è il peggiore dei suoi nelle percentuali con solo 13% di eff. ed il 46% di vinc. in att), ma a mettere per terra i palloni che scottano sono Petric e Kovacevic, quest’ultimo decisivo nel finale di 3° set. Equilibrata la distribuzione di Jovovic con 4 giocatori in doppia cifra come punti fatti mentre la Bulgaria si aggrappa disperatamente al solo Sokolov, autore di 20 punti col 51% in att. (ma 29% di eff.).

LA PARTITA – Nel 1° set la Serbia strappa dal 9-9 al 13-9 grazie ai break point realizzati da Podrascanin (11-9 col muro su Rozalin Penchev), Bratoev (12-9 per il fallo in palleggio su ricezione filo rete) e Podrascanin (gran muro su Sokolov). Il vantaggio resta immutato al secondo time-out tecnico (16-12), poi la Serbia allunga ancora (21-15) e chiude 25-21 con un ace di Kovacevic.
Nel 2° la Bulgaria parte forte (3-8), ma viene scavalcata già sul 12-11. La Bulgaria prova a pescare dalla panchina prima Todorov (per Yosifov) e poi Seganov (per Bratoev sul 16-14 dopo 3 punti consecutivi serbi), ma la Serbia continua la striscia vincente sino al 18-14 e poi chiude 25-22 con Petric.
Nel 3° la Bulgaria si schiera dall’inizio con Seganov, Todorov e Skrimov (al posto di Rozalin Penchev) e ne nasce un parziale molto altalenante con i bulgari avanti 4-8 al 1° time-out tecnico e sotto 16-14 al 2°, ma ancora in grado di riportarsi sul +2 quando Nikolov trova l’ace del 18-20. Quando Luburic spara out il contrattacco del pari (22-24) sembra fatta per la Bulgaria ed invece Sokolov fallisce il secondo set-point tirando out: 24-24. Kovacevic inventa i punti del 25-25 (spreco sull’asse Seganov-Yosifov sulla possibile rigiocata del 24-26) e del 26-25 dopo scambi prolungati e alla fine un muro su Sokolov (28-26) chiude i giochi.

Sostieni Volleyball.it