Europei M.: 1990, Italia-Germania, quella lontana prima “prima” volta… con Giani e De Giorgi in campo

1239
L'Italia campione del Mondo 1990... giocò contro la prima Germania unita poche settimane prima del titolo iridato

OSTRAVA – La sfida di oggi tra Italia e Germania ha radici profonde che risalgono al primo periodo della Generazione di Fenomeni.
In totale ad oggi sono 41 i precedenti, 31 successi italiani, 10 tedeschi ma ancora nell’Europeo del 1989, nel Girone A di Stoccolma, gli azzurri di Velasco, prima di arrivare al primo storico oro continentale, superarono tra il 24 e il 25 settembre prima la Germania Ovest 3-1 (15-2, 15-9, 13-15, 15-2) poi la Germania Est sempre per 3-1 (11-15, 15-5, 15-1, 15-13). Le due nazionali tedesche si classificarono al 9° posto (Est) e 11° posto (Ovest), ultima volta dei due team divisi in una classifica di volley considerato che poco più di un mese dopo, il 9 novembre, il Muro di Berlino venne abbattuto e con esso cancellata la divisione della Germania.
Nel 1990 arrivò quindi la prima uscita dei tedeschi sotto una sola bandiera anche sottorete e accadde proprio contro l’Italia di Velasco che andò a Berlino per giocare il 6 ottobre un Germania-Italia storico e subito intenso. I campioni d’Europa a dare il benvenuto alla nuova realtà frutto della riunificazione tedesca. Finì 2-3 per gli azzurri di Velasco (15-10, 10-15, 15-9, 12-15, 10-15) con Anastasi, Bernardi, Bracci, Cantagalli, De Giorgi, Gardini, Giani, Lucchetta, Masciarelli, Martinelli, Tofoli.
Sei giorni dopo gli azzurri sfidarono a Milano una formazione di All Star del campionato e persero 0-3 (13-15, 12-15, 16-17)… Ultimo test prima della partenza per il Mondiale del 1990. I dubbi azzurri della vigilia iridata furono addolciti da Karch Kiraly allora martello USA già due volte oro olimpico (1984, 1988) e una volta campione del Mondo (1986): “Anche a noi statunitensi capitò di perdere l’ultima amichevole prima di vincere Olimpiadi e Mondiale.  L’Italia può fare a stessa cosa”. Infatti, poche settimane dopo vinse l’oro iridato di Rio.

Sostieni Volleyball.it