Europei M.: Andric fa 9 ace, ma non basta. La Slovenia di Giuliani va ai quarti

7352

Ottavo di finale
Slovenia – Croazia 3-1 (25-20, 25-18, 19-25, 25-12) – il tabellino

OSTRAVA – Pronostico rispettato nel penultimo ottavo di finale: la Slovenia di Giuliani batte 3-1 la Croazia di Zanini ed approda ai quarti di finale dove presumibilmente affronterà la Francia campione olimpica (tra poco in campo contro la Rep. Ceca).

LA PARTITA 
La Slovenia ci mette un po’ a carburare (0-4 in avvio), ma sorpassa già sull’8-7 e dal 12-12 piazza l’allungo decisivo (15-12) che poi conduce conduce al 25-20. Cebulj protagonista del set con 8 punti e il 64% in attacco.
Non c’è storia nel 2° set in cui la Slovenia alza il livello del servizio (4 ace a 1) e del muro (5 a 1): la Crozia è presto doppiata (8-4 e 14-7) e si veleggia verso il 25-18.
Terzo set più combattuto anche perché Cebulj e Urnaut non mettono palla a terra (0 su 4 per entrambi), ma è un parziale che la Slovenia sembra poter far suo quando un muro su Andric vale il 19-17. Invece l’opposto croato decide il set con 5 ace consecutivi (2 favoriti dal nastro) dal 19-19 al 19-24 ed un contrattacco di Sedlacek chiude il set completando un clamoroso parziale di 0-8. Per Andric sono addirittura 7 gli ace nel set (gli altri due dal 10-8 al 10-10), 9 nel match (2 tra primo e secondo set).
Nel 4° set però la Slovenia torna a mettere il turbo in battuta (4 ace di squadra contro 0, 3 del palleggiatore Ropret entrato nel corso del 2° set al posto di Vincic) mentre l’attacco croato crolla al 29% di vinc. e 4% di eff. e non c’è partita: finisce 25-12 con un ace di Ropret, curiosamente anche top scorer del set con 4 punti.

Sostieni Volleyball.it