Europei M.: De Giorgi dopo la Germania. “Sorpresa? Siamo una squadra con delle qualità, noi lo sapevamo”

1428

OSTRAVAFefé De Giorgi dopo il quarto di finale con la Germania intervistato da Colantoni su Rai2.
Una Italia che sorprende… “Sorpresa? Siamo una squadra con delle qualità, noi lo sapevamo. Stiamo cercando di vedere fino a dove possiamo arrivare. Oggi abbiamo giocato prestando grande attenzione contro un avversario pericoloso in diversi fondamentali”.
“Sono contento per come in poco tempo abbiamo messi in campo il massimo per arrivare a questo punto. Ora mancavamo un po’ dalle semifinali. Andiamo a giocarcele”.
“Stiamo crescendo come gioco e siamo focalizzati nelle cose che sappiamo fare e in più i ragazzi si aiutano molto all’interno. Il feeling tra loro aiuta. Ora è importante giocare questa semifinale con grande attenzione e pensare a fare le cose come le sappiamo fare”.

Si torna sul “dente avvelenato” dei serbi per l’eliminazione dalle Olimpiadi… De Giorgi replica: “E’ un’altra storia, questa è un’altra cosa. Sono fondamentalmente forti più con il dente avvelenato…”

Le dichiarazioni post gara in zona mista
“Siamo chiaramente felici anche per il percorso che abbiamo fatto giocando davvero una buona partita. Un allenatore al termine di una partita così non può che essere soddisfatto, siamo contenti non solo per noi ma anche per la stessa maglia azzurra che torna tra le migliori 4 in Europa. I ragazzi sanno che nella nostra testa ora non deve cambiare nulla, ma dobbiamo andare lì cercando di giocare la nostra migliore pallavolo e vedere se sarà sufficiente per tagliare traguardi importanti. Oggi non era facile, ma siamo stati bravi a limitare i loro punti di forza e a contenerli mantenendo il nostro ritmo sempre molto alto. E’ importante la crescita di alcuni ragazzi in termini di personalità durante la gara e durante l’intero torneo. Stanno risolvendo da squadra alcune situazioni difficili. Ora ci attende la Serbia e sicuramente non sarà facile ma noi dovremo andare lì ed esprimerci al massimo delle nostre possibilità. Poi vedremo cosa succederà”.    

Sostieni Volleyball.it