foto
Olanda – Slovenia 0-3 (16-25 19-25 22-25)
Tabellino

SOFIA – Storico 13 Ottobre per la Slovenia allenata da Andrea Giani. L’ex campione della Generazione di Fenomeni ha già lasciato il segno nella storia della giovane federazione slovena qualificando la squadra al primo storico Quarto di finale dell’Europeo.

Per il team sloveno il passaggio tra le migliori otto del continente è un risultato già oggi storico. Alla sesta partecipazione ad una fase finale il team di Lubiana nell’ultima edizione si era classificata al 13° posto (su 16), miglior risultato nel 2011, 9° posto.

Oggi la Slovenia ha superato l’Olanda 3-0 ed ora sfiderà nei Quarti di finale la Polonia campione del Mondo.

La gara – Primo set equilibrato sino al 10-10 poi la Slovenia ha firmato il break incolmabile. La squadra di Giani ha prevalso su tutti i fondamentale e quando Dejan Vincic ha chiuso il set con il muro del punto finale, il gap era di 9 punti, 25-16 con una Olanda al 26% in attacco, 0 muri, 3 ace subiti. La Slovenia fa 9 errori, ma all’attivo ha 3 muri e un attacco al 48%.

Nel secondo set la Slovenia parte subito 8-4 ma l’Olanda torna in carreggiata e colma lo svantaggio: 11-11 e anche 13-14. Gli attaccanti sloveni (48% nel fondamentale, contro il 40% olandese) spingono sull’accelleratore. Slovenia avanti 15-16 poi 17-21. E’ ancora un muro
di Vincic che mette a terra la palla del finale 25-19.

Il terzo set è stato di gran lunga il più equilibrati. L’Olanda forza al servizio e trova un momentaneo 8-7. Tre muri contribuiscono al 13-12, poi gli orange chinano la testa: 10 errori punti nel set, quanto basta per un 25-22.

Klemen Cebulj e Mitja Gasparini entrambi con 13 punti sono stati i migliori realizzatori della partita. Nelle fila olandesi, con il top scorer europeo Kooy solo al 29% in attacco (2 su 7, 3 muri subiti) a firmare il miglior score è Klapwijk, titolare dal 2° set, a quota 8 punti (8 su 18, 44%).