Europei M.: Sarà un Eurovolley “Made in Italy” con 41 atleti in campo

1148

STETTINO – Sarà ancora una volta un Europeo “Made in Italy” quello che oggi si apre in Polonia nei futuristici impianti di Cracovia (Tauron Arena), Danzica (Ergo Arena) e lo stadio di calcio di Varsavia, ouverture per 65.000 spettatori.

Made in Italy per la lingua, l’italiano è sempre il più parlato nei palasport del continente ma anche e soprattutto per il numero di giocatori della prossima Superlega Unipolsai (e A2) impegnati nelle 16 squadre al via, a dimostrazione che ancora una volta il campionato tricolore è sede del miglior movimento mondiale per club, scuola di pallavolo certificata.

41 GIOCATORI – Su 224 atleti al via nella fase conclusiva della rassegna la Superlega e l’A2 vedranno scendere in campo ben 41 atleti, 38 in Superlega e 3 in A2. Quasi il 20% dei giocatori al via milita nel nostro movimento.

Sono solo due i club del massimo campionato non rappresentati nel mazzo, la Bunge Ravenna e la neo promossa BCC Castellana Grotte, tre quelli di A2.

6 TRENTO – La più saccheggiata è Trento, con 6 giocatori. I tre azzurri (Giannelli, Vettori e Lanza), il serbo Kovacevic, il centrale sloveno Jan Kozamernik e e Renee Teppan con l’Estonia.

5 PERUGIA – A Bernardi, sul campo del palaEvangelisti, mancano ben 3 centrali, l’azzurri Ricci, il finlandese Siirila e il serbo Podrascanin. Insieme a loro l’opposto Atanasijevic e il libero azzurro Colaci. Non ci fosse stato lo “shoesgate”, il caso delle scarpe, sarebbe mancato anche un sesto giocatore, Zaytsev.

5 MONZA – A Monza il gruppo di 5 è formato dagli azzurri Buti e Botto, dallo schiacciatore ceco Dzavoronok, e dagli opposti Hirsch (Germania) e Finger (Rep.Ceca).

4 MODENA – L’Azimut Modena insegue con 4 giocatori agli Europei. Tra quelli assenti in casa degli emiliani spicca il talento di Earvin Ngapeth, campione d’Europa in carica e quest’anno già vincitore della World League e del premio di miglior giocatore della rassegna. Insieme al francese l’altro posto 4 Tine Urnaut (Slovenia), gli azzurri Sabbi e Mazzone.

3 CIVITANOVA –  Tris europeo, più l’allenatore Giampaolo Medei vice di Blengini in azzurro. I tre sono il libero francese Grebennikov, l’opposto bulgaro Sokolov e il centrale serbo Stankovic

3 MILANO – Alla Revivre, che all’Europeo ha sacrificato anche parte dello staff tecnico, con Giani e il vice allenatore De Cecco (Germania) e lo scoutman Perrone (Francia), sono 3 i giocatori assenti. L’opposto olandese Abdel-Aziz, il belga Kevin Klinkenberg e il centrale azzurro Matteo Piano.

3 VIBO VALENTIA – La società calabrese ha dato alla rassegna continentale tre atleti, gli schiacciatori Lecat (Belgio) e Antonov (Italia) il centrale Verhees (Belgio).

3 VERONA – Oltre a Nikola Grbic Ct della Serbia, i giocatori della Calzedonia in Polonia sono tre. Il vice palleggiatore azzurro Spirito,  il centrale Pajenk e l’opposto Stern della Slovenia

2 PIACENZA – Alla LPR di Giuliani mancano lo schiacciatiore francese Trevor Clevenot e il centrale bulgaro Viktor Yosifov.

2 PADOVA – Anche la Kioene è quasi al completo. All’Europeo i “soli” Fabio Balaso, libero, e Luigi Randazzo, schiacciatore, nel team azzurro.

1 SORA – Il regista bulgaro Georgi Seganov.

1 LATINA – La rivoluzionata Taiwan Excellente Latina punta al bersaglio grosso europeo con il centrale francese Nicolas Le Goff.

0 presenze per Ravenna e Castellana Grotte.

In A2 Unipolsai accarezzano la gloria Europea la neo promossa Taviano con lo schiacciatore spagnolo Francisco José Ruiz, Ortona con l’opposto slovacco Milan Bencz e Aversa con lo spagnolo Vigil Alejandro Gonzalez, ruolo centrale.

NAZIONALITA’ – Oltre ai 14 azzurri, sono 12 le nazionalità toccate da Superlega e A2. La pattuglia più nutrita è quella della Serbia (una tradizione) qui con 4 giocatori, così come quella di Slovenia e quella di Francia. 3 dalla Bulgaria e dal Belgio e 2 dalla Spagna e Rep.Ceca, poi Germania, Finlandia, Slovacchia, Olanda ed Estonia chiudono il cerchio con 1 giocatore.

All’appello mancano giocatori delle sole Russia, Polonia e Turchia.

STAFF MADE IN ITALY – Se i giocatori del nostro campionato non mancano, a rapporto non mancano anche tecnici, scout e preparatori Made in Italy.

La punta dell’iceberg è costituita dai due Ct Ferdinando de Giorgi (Polonia) e Andrea Giani (Germania), ma la scuola italiana non si ferma qui.

Ecco tutti i presenti…

Claudio Rifelli – Vice Allenatore Finlandia

Fabio Storti – Vice Allenatore Rep. Ceca.

Matteo De Cecco – Vice allenatore Germania

Alessandro Piroli – Vice Allenatore Bulgaria

Sergio Busato – Vice Allenatore Russia

Oscar Berti – 2° vice allenatore Germania

Mirko Fasini – 2° vice allenatore Estonia

Roberto Ciamarra – Scout Statistiche Germania

Paolo Perrone – Scout Statistiche Francia

Mauro Puleo – Scout Statistiche/Osservatore avversari – Bulgaria

Carlo Sati – Preparatore fisico Slovenia

Sostieni Volleyball.it