Fipav: Identità identiche, il cuore della Val di Fiemme e Cavalese, la “Casa del Volley Azzurro”

ROMA – Il secondo appuntamento di Identità Identiche è dedicato al Trentino ed alla Val di Fiemme. Quest’ultima ormai da diversi anni è legata alla Federazione Italiana Pallavolo e ospita i ritiri delle Nazionali di Pallavolo nel periodo estivo, facendo conquistare a Cavalese la qualifica di “Casa del Volley Azzurro”. In questo momento d’emergenza la Val di Fiemme ha deciso di scendere in campo, con un’iniziativa concreta verso chi ne ha più bisogno.

A Marzo 2020, cogliendo la richiesta di supporto della famiglia di ristoratori Cerea, volontari nelle cucine dell’ospedale provvisorio allestito alla Fiera di Bergamo, il giovane fiemmese Maurizio Bussolon (cuoco di professione) inizia a raccogliere le derrate alimentari di grossa quantità, rimaste nei magazzini di ristoranti ed alberghi chiusi o prossimi alla chiusura. Dopo un prima raccolta, Maurizio contatta il fotografo Federico Modica, anch’egli Fiemmese e chiede il sostegno dell’iniziativa all’APT della Val di Fiemme.

Con l’entrata nel gruppo di Elisa Penna, la forza dell’iniziativa aumenta e raggiunge una grande quantità di persone ed aziende all’interno della Val di Fiemme e dell’Adiacente Val di Fassa. Il gruppo riesce così a raccogliere una quantità impensabile di cibo: 20 pedane di derrate traducibili anche in 8 furgoni pieni e quindi 8 consegne.
Il tutto si traduce nella consegna di derrate alimentari molto apprezzate da:

REPARTO di TERAPIA INTENSIVA degli Spedali Civili di Brescia che hanno utilizzato le derrate per aiutare tutti i medici ed i sanitari che, a forza di straordinari, non erano in grado di poter provvedere autonomamente al cibo.

FRATI MINORI di SAN BERNARDINO per la mensa dei poveri e delle famiglie bisognose.

TRENTINO SOLIDALE per le famiglie trentine in grande difficoltà e con minime possibilità economiche.

OSPEDALE DA CAMPO di MARCO di ROVERETO dove lo chef Alfio Ghezzi cucina per medici e sanitari.