Fipav Veneto: U16 maschile, un anno dopo vince ancora Treviso, 3-0 al Kosmos

193

SAN BIAGIO DI CALLALTA – A San Biagio di Callalta i trevigiani si confermano campioni nella categoria under 16 battendo in finale i “cugini” del Kosmos Inox Zero Branco. Alle Finali Nazionali andrà anche la Calzedonia Verona. Al trevigiano Vittorio Ceolin il premio di mvp della finale

Under 16 maschile – Finale 1°-2° posto
Volley Treviso – Kosmos Inox Marca 3-0 (25-21, 25-21, 25-6)
Volley Treviso: Comacchio 10, Mozzato 7, Fisicaro (K) 4, Novello 10, Puppato, Martinez (L), Marini, Crosato 11, Soldan, Nardellotto, Mazzon 1, Ceolin 14, Michielan (L). 1° All.Martin, 2° All.Cecchetto
Kosmos Inox Marca: Lazzar (L), Giro 2, Zanin 2, Gobbo 5, Amarilli (L), Grando 5, Zanette 1, Pernazza (K) 1, Milano 1, De Benetti, Favaretto, Peruzza, Segatto. 1° All.Mestrinaro, 2° All. Marini
Note. Treviso: battute errate/vincenti 9/14, muri 9, errori 24. Kosmos: battute errate/vincenti 6/1, muri 1, errori 13. Arbitri: Martina Milani da Padova e Melanie Paccagnella da Venezia. Segnapunti: Riccardo Scarabello da Treviso

Risultato Finale 3°-4° posto
Antenore Energia – Calzedonia Verona 1-3 (20-25, 25-23, 11-25, 27-29)

STARTING PLAYERS
Volley Treviso: Comacchio, Mozzato, Fisicaro, Novello, Crosato, Celoin, Martinez (L)
Kosmos Inox Marca: Giro, Zanin, Gobbo, Grando, Pernazza, Milano, Amarilli (L)

Il Volley Treviso si conferma Campione regionale under 16: dopo il successo ottenuto nel 2017 sulla Kioene Padova, i trevigiani centrano il bis battendo in 3 set la grande sorpresa stagionale, il Kosmos Inox Marca di Zero Branco che comunque festeggia uno storico approdo alle Finali Nazionali. I ragazzi del Kosmos hanno dato tutto giocando con grande coraggio e determinazione per due set, ma alla fine la superiorità tecnica e fisica degli orogranata ha fatto la differenza e la finale, seppur equilibrata e spettacolare, non è mai sembrata veramente in bilico.

La finale under 16 maschile 2017-2018 proponeva, nel PalaSport di San Biagio di Callalta, una sfida inedita tra il blasonato Volley Treviso campione in carica e l’ambizioso Kosmos Inox Marca, squadra della società Us Albertina di Zero Branco. In semifinale le due formazioni hanno eliminato rispettivamente l’Antenore Energia Massanzago e la Calzedonia Verona, qualificandosi dunque per le Fasi Nazionali che sono in programma dal 29 maggio al 3 giugno a Torino. La terza squadra veneta che tenterà la scalata al tricolore sarà la Calzedonia Verona che nella finale 3°-4° posto ha battuto 3-1 l’Antenore Energia Massanzago.

1° set. I ragazzi del Kosmos partono con la grinta di chi sa che deve dare tutto per scrivere una pagina memorabile della sua storia: l’impatto sulla partita del Kosmos è devastante e il Volley Treviso paga dazio finendo sotto 4-8. I ragazzi di Martin però in questa fase hanno il merito di mantenere il sangue freddo riuscendo a riorganizzarsi a partire dai due fondamentali che bloccano il gioco avversario, ovvero la battuta e il muro: dopo aver sbagliato 4 battute all’inizio, gli orogranata cominciano a far male dalla linea dei 9 metri con Comacchio e Ceolin, mentre a muro si fanno sentire i centimetri di Crosato. Il pareggio arriva a quota 12 con un muro di Crosato, mentre il primo vantaggio del set arriva sul 14-13 con un attacco di Novello. L’allungo decisivo porta la firma di Mozzato che in attacco e a muro porta il punteggio sul 22-17. Il Kosmos ci prova un’ultima volta risalendo fino al 23-21 con un ace di Gobbo, prima della chiusura che arriva su attacco di Ceolin per il 25-21 finale.

2° set. Nel 2° set dopo un inizio equilibrato è il Kosmos a mettere a segno il primo break approfittando di una serie di errori in attacco dei trevigiani: la squadra di Martin si trova sotto 9-12 e il tecnico orogranata deve chiamare tempo gettando inoltre nella mischia Mazzon per Fisicaro in cabina di regia. Come nel parziale precedente il Volley Treviso si arma di calma e pazientemente comincia a rimettere pressione agli avversari rosicchiando lo svantaggio e trovando la parità con un fortunoso bagher di Crosato (18-18). Ed è sempre Crosato decisivo nella fase che conta: il centrale trevigiano firma il primo vantaggio nel set con un muro (19-18) e il mini break con un comodo smash (20-18). Al rientro in campo dopo il time out è ancora il muro trevigiano a fare male, stavolta con il neoentrato Mazzon che porta i suoi sul 3 (21-18). Nel finale di set Treviso non sbaglia più tenendo il vantaggio e chiudendo sul 25-21 con una veloce di Mozzato.

3° set. Parte a razzo il Volley Treviso nel 3° set, mentre i mai domi ragazzi del Kosmos sembrano aver perso un po’ di sicurezza dopo aver mostrato ottime cose nei due parziali precedenti. La squadra di Marin vola via 7-3 (attacco di Ceolin) e 8-3 (errore di Zanette). Nella fase centrale gli orogranata prendono il largo definitivamente con un muro di Mozzato (12-4) e due ace di Fisicaro (15-4): mister Mestrinaro prova a chiamare tempo ma Fisicaro non si ferma chiudendo virtualmente il match con altri due ace (18-4). Con la vittoria già in tasca i ragazzi del Volley Treviso si limitano a mantenere il vantaggio, mentre il Kosmos Inox chiude la partita malamente e con una punizione sin troppo severa ma che non rovina quanto di buono mostrato per due terzi del match. Finisce 25-6 con 3 aces finali di Ceolin che va raccogliere l’abbraccio dei compagni in mezzo al campo per la grande festa orogranata che prosegue con la hola sugli spalti. Il Volley Treviso è campione regionale Under 16 per il secondo anno consecutivo. Gioia doppia a fine serata proprio per il trevigiano Vittorio Ceolin che si porta a casa il titolo di mvp della finale.

Sostieni Volleyball.it