BERGAMO – Un pubblico incredibile per chi non ha l’abitudine di vivere i grandi match dal vivo al PalaNorda di Bergamo. Un pubblico eccezionale, trascinatore è stata l’arma in più di una serata da brividi.

In campo per una sfida da dentro o fuori, la Foppapedretti ha sfoderato un carattere e una grinta inarrestabili, mostrando forza e autorità dal primo punto. E in questo, le rossoblù sono state aiutate e trascinate da duemila spettatori che non hanno smesso, per un solo secondo, di gridare a gran voce, esaultare, applaudire e incitare.

L’arena del PalaNorda si è trasformata in un catino incandescente per una gara che metteva i brividi dopo il risultato del primo incontro disputato in Umbria. Dopo la prima sconfitta al tie break, la Foppapedretti non avrebbe avuto altri appelli: l’imperativo, ieri sera, era vincere per poter continuare a lottare. E così è stato. Le magie di Leo Lo Bianco hanno innescato gli attacchi di Piccinini, Gruen e Sorokaite. I muri di Arrighetti e Poljak hanno fermato le iniziative della Despar e i recuperi di Merlo e Croce hanno raccolto anche le palle più incredibili. Una serie di ingredienti che hanno reso quella di ieri una serata speciale. Solo l’antipasto dello spareggio che andrà in scena già domani, alle 18.00, di nuovo al PalaNorda.
    
La Despar Perugia tornerà a far visita alle rossoblù e, c’è da starne certe, renderà la vita difficile alle padrone di casa. In palio c’è l’accesso alla finalissima scudetto.

Il PalaNorda riaprirà i battenti alle 16.30 di domani, pronto a riempirsi nuovamente. E in previsione della grande richiesta di biglietti per assistere a un grande incontro, la biglietteria di piazzale Tiraboschi aprirà per la prevendita domani dalle 10.00 alle 13.00 e proseguirà all’apertura pomeridiana dei cancelli fino a esaurimento.

Fischio d’inizio alle 18.00, arbitri del match Roberto Mastrodonato di Roma e Massimo Pessolano di Monte Corvino Pugliano (Sa). Appuntamento al PalaNorda e su www.volleybergamo.it, per vivere in diretta il punto a punto sul Tabellone Elettronico.