Francia: Leon ha salvato il Paris Volley. “Un colpo di fulmine”

3834

MODENA – Questa sera Perugia sarà in campo a Tours per la sfida del secondo turno di Champions League, Pool D. Il campione cubano naturalizzato polacco Wilfredo Leon, in una intervista rilasciata sull’Equipe a Guillaume Degoulet svela e spiega perché è intervenuto con un investimento personale per salvare il prestigioso club parigino Paris Volley.

——

“Posso chiamarti alle 18.30?” Il messaggio è arrivato sabato scorso, nel tardo pomeriggio. All’ora stabilita, il telefono vibra. Dall’altra parte del filo, Wilfredo Leon. Mentre il suo club italiano, Perugia, si prepara a sfidare Tours questa sera in Champions League, il miglior giocatore di pallavolo del pianeta ha voluto ufficializzare il suo sbarco nel capitale del Paris Volley. Un progetto frutto di un “colpo di fulmine”, dice la neo-star polacca, nato a Cuba ventisei anni fa. www.volleyball.it

Per un anno sul progetto di recupero di Parigi un investitore è rimasto segreto, la sua identità era stata preservata. Si tratta dunque di lei? “Sì, infatti. Sono arrivato a Parigi!  Quando me ne hanno parlato, la storia mi ha toccato. Sentire che un club con una storia e un palmares prestigioso, vincitore di tre Coppe Europee e nove Campionati, poteva sparire da un giorno all’altro giorno, mi ha scosso. E poi si parla della Capitale di uno dei paesi più grandi del mondo! Ho deciso abbastanza rapidamente, infatti, quando ho visto che altri giocatori fare anche loro questo sforzo. E’ un’opportunità che ho colto. Ho fatto questo per la pallavolo, per cercare di portare a un livello più alto la Francia. È la mia passione, la mia vita”.

Perché non ha parlato prima? “Perché non era il momento. La scorsa stagione, sono arrivato in Italia, a Perugia, dopo quattro anni di Kazan. Non volevo che tutto si mescolasse”. www.volleyball.it

La presenza nel gruppo di investitori del tuo capitano della nazionale polacca, Michal Kubiak, ha influito? “Sì, ma non solo. Tutti coloro che hanno investito in questo sono persone serie e note. Questo non è un capriccio”.

Si può parlare della quantità dell’investimento? “Come per gli altri azionisti della società, è riservata. Ma la somma non è importante. L’obiettivo era quello tenere questo club a galla. Per consentire a lui di lasciare il Campionato di B. In una stagione il club è tornato nell’elite. È molto positivo”

Riesce veramente a seguire i risultati quotidianamente? Sì, naturalmente. Conosco i giocatori, anche se io non interferisco sugli ingaggi. Ho già un lavoro e mi devo  concentrare su questo. Ci sono persone estremamente competenti che stanno lavorando al club”.  A ciascuno il suo lavoro. Io sono un giocatore di pallavolo non un dirigente o un agente” www.volleyball.it

Si può ipotizzare che un giorno giocherà a Parigi? Ad esempio per chiudere la sua carriera? “Questa non sarà la prossima stagione, in ogni caso” Ma perché no, Oggi, non so”.

Ha un rapporto speciale con Parigi e con la Francia, il che spiegherebbe il suo investimento? “È un paese bellissimo e ho un paio di amici che vivono a Parigi. Mio padre parla bene il francese. Io dicevo qualche parola in francese quando avevo 8 anni, 10 anni”.

La scorsa stagione, il tuo arrivo in Italia, ha perso  con Perugia in semifinale di Champions League e la finale di Superlega. È stato un fallimento? “Abbiamo vinto la Coppa italia e si sperava di più, è vero. Ma è davvero difficile nella carriera vincere titoli ogni anno. Ho vinto quattro Champions League (con Kazan, dal 2015 al 2018) e ho vissuto un sacco di cambiamenti con il mio arrivo a Perugia. Questa non è una scusa, ho davvero vissuto male queste due sconfitte. La pallavolo è anche uno sport di squadra in cui un singolo giocatore non può fare tutto. Ma questo mi dà una motivazione in più per allenarmi ogni giorno”. www.volleyball.it

Non hai vinto il titolo europeo al tuo debutto con la Polonia… “L’obiettivo più importante dell’estate è stata la qualificazione olimpica per Tokyo. Sono molto orgoglioso di aver potuto contribuire a questo traguardo. Non ho mai giocato ai Giochi. Ho vinto una medaglia d’argento (Coppa del mondo in Giappone) e un bronzo (Europeo) e difficilmente avrei potuto sognare di meglio in questo inizio con la mia nuova maglia. Dopo la sconfitta contro la Slovenia, in semifinale di Euro (1-3), i miei compagni di squadra sono stati super abbattuti. Ho cercato di motivarli. Per me, questo 3° posto è stato bellissimo”.

Come vivi il fatto di essere il centro di interesse in ogni partita, come stasera a Tours? “Mi piace questa idea. Non sento la pressione, gusto dell’eccitazione. Sapere che tutto il palasport è pieno e si aspetta qualcosa da me mi spinge. Questo mi porta a dare il meglio, per cercare di alzare il mio livello e fare la differenza. Se riesco a ripetermi a Tours, come la scorsa stagione, e fare cinque ace per vincere la partita, non ho intenzione di tirarmi indietro…, anzi!”  www.volleyball.it