Giappone: Kubiak? Oggetto del desiderio ma impossibile da tesserare per i play off

Kubiak, lunga la stagione al Panasonic
Kubiak, lunga la stagione al Panasonic

HIRAKATA – Quello del polacco Michal Kubiak, capitano della Polonia campione del Mondo e oggi schiacciatore nei Panasonic Panthers, squadra di Hirakata, cittadina tra Kioto e Osaka, probabilmente resterà solo un sogno del mercato italiano, almeno per questa stagione in chiave play off.

L’annata sportiva giapponese per club quest’anno con l’allargamento del massimo campionato da 8 a 10 squadre allunga infatti il suo calendario rispetto alla scorsa stagione. Un anno fa il torneo nipponico si esaurì il 18 marzo con Kubiak che potè così andare a giocarsi le finali scudetto cinesi con la maglia del Pechino, prima di tornare al Panasonic per vincere la Kurowashiki Cup (giocata nella prima settimana di maggio) e completare il triplete in Giappone.

La stagione attuale ha invece termine il 14 aprile (finale scudetto) con la successiva Kurowashiki Cup che comincia il 1° maggio. Al di là del breve periodo tra finale scudetto (a cui il Panasomic pare destinato) e il torneo conclusivo della stagione del Sol Levante, a rendere praticamente impossibile l’arrivo del campione anche solo per i play off scudetto della Superlega concorre la chiusura dei termini di tesseramento italiani.

La norma dice infatti che i club potranno tesserare un atleta italiano o straniero “mai utilizzato” nella stagione sportiva 2018/2019 in Italia dal giorno successivo all’ultima giornata del girone di andata di serie Superlega in calendario il 24 marzo fino alle ore 12.00 del giorno precedente la prima gara di play off della squadra che richiede il tesseramento, ovvero il mezzogiorno del 30 marzo. I play off di Superlega si aprono il 31 marzo con i Quarti di finale.

Il termine è riferito alla data della giornata riportata nel calendario ufficiale. Eventuali anticipi o posticipi di una singola gara non hanno alcuna influenza sul termine medesimo.   

Tutte le notizie dei campionati giapponesi

 

Sostieni Volleyball.it