SAITAMA – Con circa dodici ore di ritardo rispetto al programma iniziale la nazionale azzurra femminile ha raggiunto Saitama, dove da venerdì 10 a domenica 12 giocherà il suo secondo quadrangolare di Grand Prix affrontando nell’ordine: Giappone, Cina e Dominicana.

La squadra di Bonitta sarebbe dovuta atterrare all’aeroporto Narita di Tokyo ieri mattina alle 7.30 locali, ma in realtà lo ha fatto soltanto alle 18.30, per colpa di uno sbaglio nel registrare le prenotazioni fatte (correttamente) dall’agenzia della Fivb che cura questi viaggi.

Non avendo potuto prendere il volo del pomeriggio, la delegazione italiana è riuscita a partire soltanto all’1.15 di notte.

Le lunghe ore di attesa, Arrighetti e compagne le hanno trascorse in parte all’aeroporto di Ankara, in parte in un hotel nelle vicinanze dello stesso. La morale è che l’Italia ha perduto ore preziose per il recupero del “jet leg” e due importanti allenamenti.