Iran: Travica racconta l’esperienza con l’Urmia e l’abbandono

Dragan Travica con la maglia dell'Urmia

MODENADragan Travica, intervistato sul portale “The Zukosky breakfast” racconta così l’esperienza iraniana.

“Non ho parlato perché sono fatto così. Alle parole antepongo sempre la dimostrazione dei fatti. O le riflessioni che interiorizzo per andare avanti. È stata una stagione da cui non mi aspettavo una fine di questo tipo. Ho accettato la proposta di Urmia con molto entusiasmo, anche perché avrei giocato sotto la guida tecnica di mio padre. Era un sogno, per entrambi, e per la prima eravamo riusciti a metterlo sotto contratto. Già dall’arrivo ci siamo trovati davanti una situazione complicata. Promesse, palestre non tenute secondo gli standard, assenza di una casa in cui stare, giocatori opzionati e mai arrivati. Ma non ci ha fermato nulla di tutto questo. L’entusiasmo era tanto e la voglia di vincere anche. Abbiamo fatto vari incontri con la presidenza, composta da rappresentanti politici e da uomini di sport che spesso dicevano l’uno il contrario dell’altro. Io, papà e Pozzi (Andrea ndr) abbiamo iniziato a sospettare che qualcosa non sarebbe andato come promesso già la prima volta in cui dopo mesi, il contratto in molte sue clausole economiche non è stato rispettato. Siamo andati via una prima volta, e sotto false promesse siamo tornati, e dopo mesi una minima parte dell’ingaggio è stato pagato a tutti. Poi altre promesse, altri slittamenti di settimane, fino a una triste vicenda di assegni scoperti che grazie all’ambasciata italiana abbiamo smascherato. Da qui la decisione di andare via. E di mettere la parola fine ad una stagione iraniana che tanto ci aveva regalato nelle nostre menti”.

Ti ha cercato qualche società italiana per il proseguimento della stagione? “Assolutamente no. E quello che si è letto sui giornali (l’interessamento di Brescia e Modena) è frutto di pura fantasia. Ho qualche proposta dall’estero che sto valutando. Certo, la voglia di tornare a giocare nel nostro campionato è tanta”.

 

Sostieni Volleyball.it