La storia: Due sorelle divise da un tragico destino, unite sulla maglia del Volley Parella Torino

408

TORINO –  Volley Parella Torino, società che ha la prima squadra maschile in A3 e quella femminile in B1 nella giornata di ieri ha presentato le nuove divise.

La creazione della maglia della squadra femminile ha radici profonde e sentite. A maggio, nel pieno del lockdown, il club lanciò un contest sui propr canali social: “Disegna la maglia del Vpt” (Volley Parella Torino). Un modo simpatico per restare vicini in un momento complicato per tutti. Tanti ragazzini e ragazzine mandarono i loro disegni alla società con idee per la grafica delle maglie da indossare quest’anno.
La società al termine dell’iniziativa aveva scelto quello di Beatrice, 17 anni. Poi ad agosto, nel territorio, in un terribile incidente d’auto in montagna, persero la vita 5 giovanissimi: il guidatore di 24 anni, due fratellini di 17 e 14 anni, un ragazzo di 14 e una ragazza di 16, Camilla. Quest’ultima era la sorella di Beatrice, entrambe pallavoliste in una famiglia di pallavolisti. Beatrice gioca nell’U19 della LPM Mondovì, società di cui è dirigente il padre Luca.

Il Volley Parella Torino, per cercare di essere vicina a Beatrice e alla sua famiglia, d’accordo con i genitori, ha così deciso non solo di utilizzare la grafica che aveva disegnato lei per le maglie della prima squadra femminile del club tornese, ma di aggiungere una dedica, anzi due.
Intorno al logo del Vpt ora e per tutta questa stagione si potrà leggere la frase “Treat people with kindness”, la scritta che era su un cappellino che Camilla regalò alla sua migliore amica, l’ultimo dono prima di andarsene. Sotto il logo il Parella ha scritto un semplice, ma fortissimo “Per Camilla”.
Bea e Camilla saranno così sempre insieme sulla maglia del club di Torino.

Nel video il giorno in cui il capitano del Volley Parella Torino Alice Farina è andata, a sorpresa, a portare a Beatrice la maglia da le disegnata con la dedica.
Un bel messaggio che la società di Torino ha voluto condividere come un momento di unione e di affetto per questa famiglia da parte di tutto il mondo pallavolistico.