Modena: Urnaut pronto per Ravenna. “Avversario tosto con molte varianti. Saitta fa un gioco veloce”

Tine Urnaut, 3 settembre 1988, Slovenj Gradec, Slovenia
Tine Urnaut, 3 settembre 1988, Slovenj Gradec, Slovenia

MODENATine Urnaut dopo la vacanza “più lunga avuta dopo il Mondiale” torna a parlare di campionato. Dalla sfida con Castellana Grotte all’impegno di domenica prossima con Ravenna.

“Questi giorni di riposo sono stati importanti per rimetterci un po’ in sesto e recuperare energie, ma da oggi riprendiamo il lavoro in palestra con la massima carica”.

“Ravenna? E’ una squadra tosta e che ci può dare filo da torcere, sarà importante guadagnare i 3 punti esattamente come siamo riusciti a conquistarli a casa loro nel match di andata. Con il rientro di Saitta in Italia giocano molto veloce, hanno in rosa due centrali molto bravi, un giocatore come Peter Verhees che ha tanta esperienza. Poi in posto 4 possono alternare Argenta o il lussemburghese Rychlicki o l’argentino Poglajen che da sicurezza in banda. Avversario fastidioso che può dare filo da torcere se non lo si affronta al top dal primo all’ultimo punto”.

“I miei obiettivi dell’anno? Mi piacerebbe alla final Four di Coppa Italia, in Italia mi mancano Coppa Italia, Scudetto e poi vorrei qualificarmi per la final Four di Champions con Modena Volley”.

Sui calendari Urnaut riprende l’appello di Bruno: “Con Bruno ne abbiamo parlato già un anno fa. A noi atleti non ci pensa nessuno. Nessuno pianifica le partite pensando al nostro bene. Noi siamo solo quelli che dobbiamo giocare, invece bisogna trovare tempi per il recupero perché poi arrivano infortuni che quando si è riposati non accadono. Servirebbe un periodo dedicato al riposo nel corso dell’anno”

Sostieni Volleyball.it