FINALE 1° POSTO
CUCINE LUBE CIVITANOVA – SADA CRUZEIRO 3-1 (25-23 19-25 31-29 25-21)  – il tabellino

BETIM – Civitanova campione di tutto. D’Italia, d’Europa e ora del Mondo.

Al termine di una gara finalmente combattuta, che dà valore al successo dei marchigiani, la Cucine Lube Civitanova chiude il Grande Slam planetario del 2019, un anno che il club marchigiano difficilmente potrà mai dimenticare con i successi di maggio in campionato a Perugia il 14 maggio e nella finale di Champions League a Berlino, il 18.

Il club ha trovato il successo iridato dopo una settimana in cui capitan Juantorena e compagni hanno firmato un percorso netto nella competizione, con 4 vittorie in 5 partite, arrendendosi soltanto al Kazan quando la qualificazione alla semifinale da primi nel girone era già stata acquisita.

E’ un trionfo straordinario, che chiude per la squadra cuciniera un 2019 altrettanto straordinario e cancella le delusioni accusate nelle due passate stagioni quando la Lube aveva sempre sfiorato la vittoria del trofeo, arrendendosi in finale prima al Kazan (2017) e poi a Trento (2018).

SESTETTI – Fefé De Giorgi conferma il sestetto ideale di questo Mondiale, con Rychlicki opposto a Bruno Rezende, Simon e Bienek al centro, Juantorena e Leal di mano, con Balaso libero. Nessuna sorpresa neanche nella metà campo dei brasiliani, in campo con Cachopa-Evandro Guerra, Otavio-Isac, Conte-Perrin, Lukinha libero.

LA PARTITA – Nel primo parziale è il turno al servizio di Leal a regalare ai biancorossi il primo break di una certa sostanza: con il cubano naturalizzato brasiliano sulla linea dei nove metri arrivano due errori consecutivi di Otavio (prima invasione, poi attacco out) che valgono il 19-16, quindi l’ace dello stesso Leal per il 20-16 che segna il massimo vantaggio Lube nel set. Sembra fatta, e invece bisognerà ancora sudare. Perché l’ingresso in campo di Luan (dentro anche Rodriguinho in regia al posto di Cachopa) lancia la rimonta dei padroni di casa, che si perfeziona a quota 23 con un mani out del rientrante Evandro. Conquistato il cambio palla nell’azione successiva, la Cucine Lube chiude sul 25-23 grazie ad un ace di Robertlandy Simon (4 punti, 75%).

Il secondo set è pressoché un monologo del Sada Cruziero, che cambia decisamente marcia grazie all’ingresso del 39enne Filipe per Perrin. Suoi i due ace di fila (entrambi su Balaso) che portano la squadra brasiliana avanti di 4 lunghezze (13-17), al cospetto di una Lube improvvisamente in difficoltà in attacco, dove il solo Juantorena passa con regolarità (7 punti, 75%). I brasiliani fermano per due volte di fila Leal (14-20), convincendo De Giorgi a giocare la carta Kovar, prima ancora di D’Hulst. Finisce 19-25, con un errore al servizio di Bieniek.

Torna in carreggiata la Cucine Lube nel terzo set, nel quale si trova a condurre anche 16-13, grazie al solito servizio di Leal. Ma il Sada pareggia sul 20-20 con un contrattacco di Evandro e poi mette addirittura il muso davanti con un muro di Otavio su Leal: 20-21. In campo Anzani per Bieniek, poi anche Kovar al posto di Juantorena in seconda linea. La Lube torna avanti con 2 errori brasiliani propiziati dal servizio di Leal (23-21), ma ancora Evandro pareggia (23-23). Nel testa a testa finale, dopo ben 4 set point annullati ai brasiliani, i campioni d’Italia e d’Europa chiudono alla terza palla set (le prime due sul 24-23 e 25-24), conquistata con l’ennesimo ace di Leal (il terzo nel parziale, per lui 11 punti col 53% in attacco), fissando il 31-29 con un contrattacco di Juantorena (21 punti finali, 55% in attacco e 3 muri).

Nel quarto set, che vede De Giorgi attingere molto spesso dalla panchina (Marchisio si alterna a Balaso per la difesa, mentre nel finale dentro D’Hulst in regia e Kovar per un giro in seconda linea), la Cucine Lube trova prima lo strappo con un muro vincente di Rychlicki (20-17), poi chiude in cassaforte la vittoria con un ace di Simon, per il 22-18. Finisce 25-21 con una pipe di Leal, inizia la festa biancorossa.