Mondiale per Club: Il Vakifbank di Guidetti è la seconda finalista. 3-1 al Praia Clube

Seconda semifinale
Vakifbank Istanbul – Praia Clube 3-1 (25-21, 25-21, 22-25, 25-18) – il tabellino

SHAOXING – Sarà il Vakifbank di Guidetti ad affrontare il Minas di Lavarini nella finale del Mondiale per Club femminile che dunque vedrà trionfare un allenatore italiano. Per Zhu Ting e compagne ci sarà dunque l’occasione di difendere il titolo vinto a Kobe nel 2017.
Il Praia Clube dopo un difficile avvio è arrivato a sentire profumo di tie-break, ma nel quarto set non è riuscito a conservare un vantaggio di 10-15 e 12-16 subendo alla fine un pesantissimo parziale di 13-2.

PIU’ E MENO – L’idolo di casa Zhu Ting (molti i cinesi accorsi in tenuta gialla), pur contenuta al 44% in att., è stata manco a dirlo la top scorer del match con 20 punti, ma un contributo sostanziale al successo è arrivato anche da Rasic (15 punti, 7 muri e la serie di battute che ha riaperto il quarto set) e Karakurt che sul 3-5 del 4° set ha rilevato una stanca Sloetjes ed è stata grande protagonista delle fasi finali: per lei 10 punti col 67% in att. e 2 ace. Fé Garay (18 punti e 44% in att.), Rosamaria (12 punti, 41% in att. sostituendo Michelle nel secondo set) e Carol a muro (7 muri) le note liete per le verdeoro. Deludente invece il 24% in att. di Fawcett.

LA PARTITA
1° set: Il Praia Clube ricuce il primo strappo del Vakif (da 9-6 a 9-9), ma poi Zhu Ting (12-10), un muro su Fawcett (14-11) ed un contrattacco di Sloetjes (15-11) riscavano il solco in favore della formazione turca che tocca anche il +6 sul 18-12 e poi chiude 25-21 con Sloetjes.

2° set: Praia Clube in grossa difficoltà in avvio di set con il Vakifbank che scappa addirittura 10-3 nel segno di Zhu Ting e Sloetjes. Il Praia accorcia leggermente dal 12-5 al 12-8 e poi riapre il parziale quando 4 muri consecutivi fruttano il 14-13. Qualche minuto dopo un altro muro, stavolta su Zhu Ting vale il pari (18-18), ma il Vakifbank riparte murando Fé Garay (20-18) e con il 21-18 firmato Rasic. Un ace sporco di Fabiana riapre il set (21-20), ma una dubbiosa invasione sanzionata col videocheck rivale il +3: 23-20. Al primo set point Gunes firma subito il 25-21.

3° set: Il muro del Praia Clube ora però funziona ed anche Rosamaria dà più peso all’attacco così le brasiliane scappano sul 5-10. Il Vakifbank non va mai oltre il -2 (12-14, 16-18, 19-21, 22-24) e Rosamaria firma il 22-25 che riapre la partita.

4° set: Sloetjes, non al meglio dopo il problema al piede che l’aveva fermata nel resto del torneo, incappa nella murata del 3-5 e lascia il posto a Karakurt che marca subito il 5-5. Il Praia Clube però mette nel mirino il quinto set e riallunga: ace di Fawcett (5-7), errore di Rasic (10-13), contrattacco di Fabiana (10-14), errore di Karakurt (10-15). Rasic però mura Fabiana (12-15) e va in battuta sul 13-16 propiziando i contrattacchi di Karakurt (14-15) e Zhu Ting (15-16). Paulo Coco prova il doppio cambio, ma la squadra resta inceppata. Robinson sfrutta un errore in ricezione (16-16), Karakurt va ancora a segno (17-16), Ellen si fa murare (18-16). Tornano Lloyd e Fawcett, ma Karakurt è ormai una furia inarrestabile: prima il contrattacco del 19-16, poi una clamorosa serie di battute con gli ace diretti del 21-17 e del 24-17. Il punto della vittoria è di Robinson: 25-18.

Sostieni Volleyball.it