Mondiale per Club: Novara si ferma ai piedi del podio

476

FINALE 3°/4° POSTO
VAKIFBANK ISTANBUL – IGOR GORGONZOLA NOVARA 3-0 (26-24 25-23 25-21) – il tabellino

SHAOXING – Il Vakifbank Istanbul di Giovanni Guidetti supera Novara 3-0 e chiude al 3° posto il campionato del Mondo femminile. Per Novara si conclude con un ottimo quarto posto il Mondiale. Le azzurre cedono per 3-0 al Vakifbank Istanbul. Risultato senz’altro troppo penalizzante per le azzurre, punite da qualche dettaglio e da un po’ di sfortuna nei primi due parziali, che hanno dato battaglia fino all’ultimo scambio.

SESTETTI – Vakfifbank con Haak opposta a Ognjenovic, Gunes e Rasic centrali, Gabi e Karakurt schiacciatrici e Orge libero; Igor in campo con Hancock in regia e Brakocevic opposta, Chirichella e Arrighetti al centro, Courtney e Vasileva in banda e Sansonna libero.

LA PARTITA – Brakocevic apre le danze con la diagonale del 2-3, Gunes sorpassa con il maniout dell’8-7 e poco dopo, sul 12-10, arriva il muro di Rasic che da un break di vantaggio alle turche, con Karakurt che allunga sul 16-13 al secondo timeout tecnico. Novara si ritrova sotto 19-14 e poi 23-18 (due ace di Karakurt) ma compie una rimonta da urlo, accorciando con il muro di Vasileva su Haak (23-21) e impattando poi con due punti in fila di Brakocevic. Guidetti si gioca la carta Ozbay, un fallo non ravvisato alle turche e un errore millimetrico di Hancock regalano il 25-24 al Vakifbank che poi chiude 26-24.

Si riparte con Vasileva a segno in attacco (2-3) e in battuta (5-6) mentre Hancock regala il +3 azzurro, sul 5-8. Guidetti pesca ancora dalla panchina, inserendo Gurkaynak e Ismailoglu, Karakurt ricuce lo strappo (10-10, diagonale vincente) e innesca un punto a punto rotto sul 16-15 dall’attacco di seconda di Ognjenovic. Novara perde Courtney per una botta al ginocchio rimediata sui led in un tentativo di difesa (18-16), due ace di Hancock ribaltano il punteggio sul 18-20 ma il Vakifbank è bravo e fortunato e chiude 25-23 con il maniout di Karakurt.

Courtney è di nuovo in campo. Guidetti conferma il sestetto del set precedente, fino al primo timeout tecnico (8-7, Haak a segno in parallela) non ci sono break-point: il primo arriva sul 12-10 con la pipe di Karakurt a segno, mentre Gunes mura Chirichella (14-11) e costringe Barbolini al timeout. Non cambia l’inerzia del parziale, Haak trova prima il 20-15 in attacco e poi il 22-16 in battuta mentre Barbolini prova a rivoluzionare il sestetto con Napodano, Morello e Mlakar; Novara non si arrende mai, Arrighetti trova l’ace del 22-19, Sansonna in difesa e Brakocevic a muro propiziano il 23-21 con Guidetti che ferma due volte il gioco. Sullo scambio successivo, non viene ravvisato un netto tocco a muro su attacco di Courtney (24-21) ed è il preludio al muro di Gurkaynak che chiude il match sul 25-21.

Sostieni Volleyball.it