Mondiali F.: La Cina batte l’Olanda e ritrova l’Italia in semifinale

2420

Pool H
Olanda – Cina 1-3 (25-23, 13-25, 18-25, 17-25) – il tabellino

Classifica Pool H: Cina 2v 5p, Olanda 1v 2p, Usa 0v 2p.

NAGOYA – Pur entrambe già qualificate Olanda e Cina si presentano in campo con le formazioni titolari.
Dopo un primo set punto a punto vinto in volata dall’Olanda le asiatiche riescono a prendere il sopravvento sulle europee che forse pagano anche un po’ di stanchezza per la lunga sfida di ieri con gli Usa.
Sloetjes fa ancora la sua parte con 26 punti e il 45% in att., ma Belien si ferma al 38% e Buijs al 31%. Nella Cina gioco meno incentrato su Zhu Ting (19 punti e 47% in att.) rispetto al solito e contributo consistente anche da Yuan Xinyue (16 punti con 5 muri e 2 ace), Zhang Changning (13 punti e 42% in att.) e Li Yingying che giocando solo il 4° set chiude con 8 punti il 78% in att. ed 1 ace.

Le semifinali saranno dunque Serbia-Olanda (19 ottobre, ore 6.40 italiane) e Cina-Italia (19 ottobre, ore 9.10 italiane), sfida già giocata nel primo girone con successo per 3-1 delle azzurre.

LA PARTITA
1° set: Squadre sempre a contatto sino al 14-14 poi la Cina prova ad allungare con un muro su Buijs (14-16), ma viene riacciuffata da Sloetjes (19-19). Finale di set nel segno di Buijs che mette a segno il 21-20 in contrattacco e poi anche il 24-23 ed il 25-23.

2° set: La Cina parte subito a mille contro un’Olanda che va subito in netta difficoltà: 0-3 e 1-6. La squara di Morrison ha una piccola fiammata dal 5-10 all’8-10, ma la Cina riallunga subito (8-12), tocca il +5 con Zhang Changning e dilaga sino al 13-25 siglato con una battuta vincente.

3° set: Olanda in scia solo sino al 6-6, poi muro su Grothues (6-8), contrattacco di Zhu Ting (7-10), errore di Belien (7-11) e muro su Buijs (7-12). La Cina controlla e chiude 18-25 col muro di Yuan Xinyue su Buijs.

4° set: Nella Cina restano in campo Yao Di e Zeng Chunlei, entrate nella seconda parte del parziale precedente, e c’è anche Li Yingying per Zhang Changning. L’Olanda parte bene (5-2), ma viene subito ripresa (7-7) e poi cede sull’incisivo turno di battuta di Li Yingying: muro di Zhu Ting su Buijs (8-10), ace (8-11), muro su Sloetjes (8-12). Zeng Chunlei fa fatica in attacco e sul 14-15 Lang Ping reinserisce Ding Xia e Gong Xiangyu mentre Morrison si gioca il doppio cambio con Bongaerts e Plak. La seconda regista orange sbaglia però 2 alzate per Belien che prima viene murata (14-17) e poi attacca out (14-18). Sbaglia anche Plak (14-19) e tornano Dijkema e Sloetjes, ma ormai il break è fatto e la Cina chiude agevolmente 17-25.

Sostieni Volleyball.it