Mondiali: Italia-Polonia 14-25. Il 3-2 finale serve a poco

Pool J
Italia – Polonia 3-2 (14-25, 25-21, 18-25, 25-17, 15-11) – il tabellinola classifica

TORINO – L’Italia esce subito di scena perdento malamente e nettamente il primo set e chiude il mondiale con un 5° posto decisamente al di sotto delle aspettative della vigilia. La vittoria poi ottenuta contro le seconde linee polacche fa in parte contento il pubblico di Torino che ha incitato la squadra sino all’ultimo, ma è un brodino che serve a poco e non fa classifica.

PIU’ E MENO – I numeri veri sono quelli del 1° set in cui e sono disastrosi per gli azzurri (vedi più sotto nella cronaca) mentre per la Polonia Kubiak e Kurek fanno la differenza nel parziale.
Guardando ai numeri totali del match bella prova per Candellaro (73% in att., 3 muri e 1 ace) e positivi anche il 57% in att. di Randazzo ed il 56% in att. di Juantorena. Ancora male Lanza (0% di eff. in att., 2 err. in ric., 2 err. in batt.), sottotono in attacco Zaytsev: 38% di vinc. e 16% di efficienza.
Nella Polonia va in doppia cifra solo Bieniek con 12 punti (3 muri e 1 ace).

I SESTETTI – Sestetti senza sorprese: Giannelli-Zaytsev; Juantorena-Lanza (nonostante le prestazioni deludenti); Anzani-Candellaro; Colaci per l’Italia; Drzyzga-Kurek; Kubiak-Szalpuk; Bieniek-Nowakowski e Zatorski per la Polonia.

LA PARTITA 
1° set: L’Italia (che spreca 2 rigiocate) incassa subito un muro di Nowakowski su Lanza (1-2) e regala un break point con lo stesso Lanza (3-5). Due ace di Kurek (3-7) fanno sprofondare l’Italia a -4. Un ace di Juantorena (6-8) ed un muro di Zaytsev su Kubiak (7-8) riaccendono le tenui speranze, ma Lanza sciupa l’occasione del possibile 9-9 e gli azzurri precipitano in un amen addirittura a -6: errore di Mazzone (8-11), contrattacco di Kubiak dopo difesa su Mazzone (poi rilevato da Candellaro) (8-12), appoggio in bagher out di Zaytsev (8-13), muro di Kubiak su Zaytsev (8-14). Kurek dà il muro del ko a Lanza (9-16) e realizza anche il 9-17. Due muri consecutivi portano l’Italia a -6 (12-18), ma non c’è modo di illudersi perché la Polonia dilaga contro una Italia inerme: contrattacco di Kubiak (13-21), muro su Zaytsev (14-23), ace di Bieniek (14-25) e muro di Nowakowski su Anzani (14-25).
Lanza 0 punti e saldo -5, Zaytsev 0% di eff. in att. (3 punti e 3 murate su 10 tentative), Juantorena al 29% in attacco (2 su 7). Per la Polonia 7 punti di Kubiak, 5 di Kurek e 6 muri di squadra.

2° set:
 Con la qualificazione già in tasca Heynen mette a riposo tutto il sestetto titolare, resta solo Bieniek in mancanza di un quarto centrale in rosa. L’Italia deve almeno salvare la faccia di fronte al generoso pubblico di Torino che continua tifare e dopo un avvio titubante (1-3) sorpassa con Juantorena (5-4) ed allunga con un ace di Candellaro (7-5). Quando ormai non serve più l’Italia inizia a macinare un po’ di gioco e tocca il +7 sul contrattacco di Lanza (16-9). Nel finale la Polonia si avvicina sino al -3 grazie a 2 murate consecutive su Zaytsev (23-20), ma Lanza chiude sul 25-21. Italia con 3 ace ed il 62% in att. di squadra.

3° set:
 Stessi sestetti del 2° set. Buon avvio azzurro (4-0), ma la Polonia reagisce ed impatta su un murone di Bieniek (8-8) e mette addirittura la freccia con 2 ace di Kwolek (8-10). Un errore di Kochanowski riporta l’Italia in parità (12-12), ma la Polonia scappa con un muro di Konarski (da poco in campo per Schulz) su Lanza (13-15) ed un errore di un opaco Zaytsev (13-16). L’Italia non rimonta ed anzi va addirittura a -5 quando Kochanowski punisce una ricezione lunga di Randazzo, da poco in campo al posto di Lanza: 16-21. L’Italia incassa un altro distacco pesante: 18-25 sul muro di Kochanowski su Randazzo. Bieniek è il top scorer del set con 4 punti.

4° set: Italia con Maruotti e Randazzo in banda. Polonia che conferma Konarski. Biancorossi avanti di due al primo time-out tecnico con un muro su Maruotti: 6-8. Questa volta l’Italia reagisce: di Randazzo l’8-8 (bell’alzata di Zaytsev), il 10-9 ed il 12-10, di Giannelli il 15-12 dopo difesa su Konarski. Arrivano anche un muro su Bieniek (16-12) e poi altri 2 break-point sul turno di battuta di Giannelli: 19-13. Il tie-break ormai è in arrivo ed infatti Zaytsev chiude il set con un ace: 25-17. Randazzo protagonista del set con 7 punti e l’88% in attacco.

5° set: Tie-break punto a punto, ma dopo un break point per parte il primo +2 è polacco con un contrattacco di Bieniek: 4-6. L’Italia pareggia con un ace di Maruotti (8-8), sorpassa con un tocco lesto di Anzani dopo azione prolungata (9-8) ed allunga sugli errori di Sliwka (10-8) e Kochanowski (12-9). L’ace di Baranowicz (13-9) ed il punto di Candellaro chiudono i giochi (15-11). Italia al 60% in att., 3 punti per Zaytsev, Candellaro e Bieniek.

Sostieni Volleyball.it