Mondiali: “#Liberaicani” Italia – Olanda 3-1… Gli azzurri salutano Milano con il sorriso

Pool E
ITALIA – OLANDA 3-1
(16-25 25-20 27-25 25-15) – il tabellinola classifica

MILANO – Davanti a un Forum di Assago ancora una volta stracolmo, 12785 spettatori e 255.676 euro di incasso, gli azzurri hanno chiuso la seconda fase del Mondiale, battendo 3-1 (16-25, 25-20, 27-25, 25-15) l’Olanda.

Dopo sette partite nell’arco di due settimane, il commissario tecnico azzurro Gianlorenzo Blengini questa sera ha scelto di far riposare i giocatori più utilizzati, dando spazio a chi era sceso meno in campo… il gruppo di riserve che si è vestito dei panni dell’hashtag #liberaicani. Ottime le risposte fornite dai suoi ragazzi, dopo un primo set complicato infatti l’Italia ha trovato il proprio ritmo e ha preso il comando del gioco. Il momento chiave è stato il terzo set, quando Baranowicz e compagni hanno dato vita a una lunga rimonta, chiusasi ai vantaggi.

Caricati dall’impresa, nel quarto parziale gli azzurri hanno chiuso i giochi, conquistando la settima vittoria nella rassegna iridata (22 p.). Da segnalare le prestazioni di Luigi Randazzo, top scorer con 23 punti, e di Gabriele Nelli (21 p.). Molto bene in battuta Davide Candellaro (3 aces), mentre Enrico Cester si è fatto sentire a muro: 4 quelli messi a segno. Lucida la regia di Michele Baranowicz, così come è stato importante il contributo in ricezione di Gabriele Maruotti, ben affiancato da Salvatore Rossini.

Sugli spalti, oltre al presidente Pietro Bruno Cattaneo e i vertici federali, erano presenti il Sottosegretario alla Presidenza del Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, il presidente della Fivb Ary Graça e il presidente della Cev Aleksandar Boricic.

IN CAMPO – Contro l’Olanda l’Italia si è schierata con Baranowicz in palleggio, opposto Nelli, schiacciatori Maruotti e Lanza, centrali Cester e Candellaro, libero Rossini. L’Olanda ha risposto con Van Haarlem in regia, Abdel-Aziz opposto, Van Garderen e Ter Horst schiacciatori, Koelewijn e Parkinson centrali e Sparidans libero.

LA GARA – Nel primo set gli olandesi hanno spinto forte, mettendo in difficoltà la nazionale tricolore (6-8). I centrali “oranje” hanno avuto ottime percentuali, mentre l’attacco azzurro ha faticato a ingranare (10-16). I ragazzi di Blengini non sono più riusciti ad accorciare e l’Olanda ha chiuso sul (16-25).

La reazione italiana è arrivata nel secondo set, Baranowicz e compagni hanno trovato un buon ritmo, mettendo in seria difficoltà gli avversari (14-9). Gli azzurri hanno viaggiato spediti con in evidenza Randazzo e Nelli sino al (21-14), poi nel finale sono andati in difficoltà in ricezione. L’Olanda così si è rifatta sotto (22-19), ma l’Italia ha resistito e si è imposta (25-20).

La terza frazione ha visto gli olandesi partire meglio e guadagnare un buon vantaggio sugli azzurri (8-11). Nel momento di massima difficoltà (12-18), l’Italia ha avuto il grande merito di rimanere in partita, sfruttando al meglio la vena realizzativa di Randazzo (19-21). Punto dopo punto i ragazzi di Blengini hanno cancellato il gap con gli avversari, che sono andati in confusione e hanno commesso diversi errori (23-23). In un finale molto combattuto la nazionale tricolore ha prima annullato due palle set agli olandesi (25-25) e poi alla prima chance con un ace di Candellaro si è aggiudicata il parziale (27-25).
Senza storia il quarto set, pronti via l’Italia è scappata avanti, staccando nettamente gli avversari. Gli azzurri hanno mantenuto il piede sull’acceleratore e per l’Olanda, messa in crisi anche dalla battuta di Candellaro, non c’è stato più niente da fare (25-15).

LUIGI RANDAZZO: “Sono felice perché abbiamo dimostrato che a questo Mondiale ci siamo anche noi. All’inizio della partita siamo andati in difficoltà, però con il passare del gioco siamo cresciuti e abbiamo superato con merito l’Olanda. Giocare davanti a questa cornice di pubblico è stato bellissimo, anche nei momenti difficili i tifosi ci hanno sempre sostenuto. Adesso arriva la fase calda del torneo, ci si gioca tutto e sappiamo che non si possono commettere passi falsi”. 

DAVIDE CANDELLARO: “Dopo un inizio difficile, con carattere siamo riusciti a venire fuori e migliorare dal punto di vista del gioco. In attacco ho un po’ faticato, però non mi sono demoralizzato e sono felice con il mio servizio di aver creato problemi agli olandesi. Da domani pensiamo a Torino, però prima c’è bisogno di qualche ora di relax per ricaricare le energie mentali.”

Sostieni Volleyball.it