SEMIFINALE 
ITALIA-CINA 3-2 (22-25, 19-25, 25-19, 25-19, 15-10)
Italia: Gardini 9, Graziani 3, Monza, Omoruyi 24, L. Nwakalor 12, Frosini 11, libero: Armini, Guducci 2, Nervini 1, Malual, Bolzonetti 9. Ne: Marconato. All. Mencarelli.
Cina: Liu Xin 8, Wu Mengjie 21, Xia Sijia 6, Zhang Kefan 5, Zhuang Yushan 12, Wang Wenhan 8, libero: Zhu Xingchen, Wang Yifei, Yang Xiaorui 1, Liu Meijun, Zhou Yetong 6. Ne: Wang Ruiqi. All. Yu Changwen.
Durata: 26’, 27’, 25’, 29’, 15’
Italia: 10 a, 16 bs, 13 mv, 31 et
Cina: 11 a, 16 bs, 7 mv, 35 et

ISMAILIA – Italia in finale! Un’altra finale per i team azzurri giovanili della Fipav. L’Italia di Marco Mencarelli vince 3-2 al semifinale del Mondiale Under 18 al termine di una gara tutta in salta. La Cina infatti vola avanti 2-0 prima di subire il ritorno azzurro.

Italia in finale per l’oro quindi, domani alle ore 19, contro gli USA che in semifinale hanno superato 3-0 il Brasile. Unico neo una distorsione alla caviglia di Frosini sull’ultimo punto del 4° set che le ha impedito di scendere in campo nel tie break.

Una vittoria sofferta e arrivata in rimonta contro una squadra molto organizzata e in grado di approcciare meglio alla gara rispetto alla selezione azzurra. Dal terzo set in avanti, però, sono uscite la voglia e la determinazione delle azzurre che hanno riscattato i due set concessi rendendosi protagoniste di un’emozionante rimonta. Una componente importante di questo successo, è da attribuire alla totalità del gruppo a disposizione del Ct Mencarelli, con le ragazze subentrate che sono state in grado di fornire un contributo importante per il successo finale, a dimostrazione della tanta qualità che le 12 azzurrine sono in grado di offrire.

Grazie a questa vittoria, il settore giovanile femminile può vantare la terza medaglia conquistata nel corso di questa stagione, con la speranza di migliorare gli argenti ottenuti dall’under 16 negli Europei a Trieste e dall’under 20 nei Mondiali in Messico.

L’appuntamento è dunque a domani contro gli Stati Uniti, squadra già affrontata in questa competizione nella gara d’esordio, conclusa al tie-break in favore dell’Italia.

CRONACA –
Avvio sottotono delle azzurrine, che sono state costrette a ricorrere complice un approccio alla gara non dei migliori e tante difficoltà soprattutto in servizio, con la Cina che ha potuto chiudere avanti il primo set (22-25). Sul 21-17 Guiducci ha sostituito in regia Monza.

Anche nel secondo parziale, le asiatiche sono sembrate più in palla rispetto alla formazione tricolore, che ha fatto fatica a prendere le misure e commesso qualche errore di troppo, risultato determinante. La Cina è stata brava ad approfittarne, raddoppiando il vantaggio complessivo (19-25).

A questo punto, complice anche qualche rotazione in più da parte di Mencarelli (dentro Bolzonetti per Gardini), le azzurrine hanno cominciato ad ingranare, non rassegnandosi all’idea di uscire sconfitte così nettamente dopo un percorso che le aveva viste dominare brillantemente nelle precedenti uscite, chiudendo sul (25-19) e riducendo lo svantaggio.

Nel quarto, poi, il pallino del gioco è rimasto in mano alla formazione azzurra, che aiutata dai punti pesanti di una Frosini in gran forma soprattutto nella seconda fase del match, ha lasciato poco spazio alla Cina, contenendo al meglio i tentativi di chiudere la gara e portando il match al tie-break (25-19).

Senza Frosini l’Italia ha spostato Bolzonetti opposta e reinserito Gardini in banda. Le azzurrine hanno continuato a produrre gioco e tanti punti pesanti, riuscendo a reggere meglio la pressione nei momenti chiave della gara, componente risultata determinante ai fini del risultato conclusivo, che ha premiato l’Italia (15-10).