Mondiali: Vittorie per il Canada e per le seconde linee del Brasile

MODENA – Le ultime partite delle Pool G ed F.

Pool G (Sofia)
Bulgaria – Canada 2-3 (19-25, 14-25, 25-21, 25-19, 10-15) – il tabellino

Partita ormai ininfluente per la qualificazione alla terza fase ma che metto in palio punti per il piazzamento nella classifica generale. Il Canada domina i primi 2 set, poi l’ingresso di Uchikov spinge la Bulgaria ad una reazione di orgoglio ed alla fine la conclusione al tie-break migliora la classifica di entrambe: con la vittoria la formazione di Antiga sale al 2° posto della Pool e al 7° nella classifica generale; col punto guadagnato la Bulgaria lascia l’ultimo posto all’Iran ed è 9° nella generale.

CLASSIFICA POOL G

Usa 8v-0p 22 punti
Canada 5v-3p 13 punti
Bulgaria 4v-4p 13 punti
Iran 4v-4p 12 punti

Pool F (Bologna)
Belgio – Brasile 2-3 (25-22, 25-23, 19-25, 15-25, 12-15) – il tabellino

Belgio fuori dai giochi, Brasile già qualificato: quella che sarebbe potuta essere la gara clou della tre giorni di Bologna si trasforma in una gara priva di significati agonistici, ma che accende comunque l’entusiasmo dei 5.250 spettatori presenti, che hanno firmato il secondo sold out della Pool F.
Dopo aver strappato l’aritmetica qualificazione per la Final Six grazie alla vittoria sulla Slovenia, Renan Dal Zotto opta per diversi esperimenti. O meglio: fa riposare i titolarissimi verdeoro e cerca risposte dagli uomini della panchina in vista del proseguo del cammino. In campo scende praticamente il Brasile due, eccezion fatta per il libero Thales, confermato. Il tecnico trova risposte da diverse pedine utilizzate nelle ultime gare come cambi tattici: in primis il palleggiatore William e l’opposto Evandro, ma pure da Eder e Loh. Logico che senza Bruno, Lucas, Wallace e Isac, Felipe al pronti via è un’altra squadra.
Anche perché Anastasi conferma il Belgio che sabato aveva battuto 3-0 l’Australia. Deroo e compagni sono fuori dai giochi, ma hanno bisogno di vincere per chiudere in bellezza e soprattutto per mettere punti in cascina per il ranking mondiale in vista del futuro e provano ad approfittarne: dopo un avvio equilibrato, trovano il colpo di coda necessario per accendersi e piegare un avversario già con la testa a Torino. Sono gli attaccanti di palla alta a fare la differenza, con Grobelny, Van Den Dries (6 punti a testa) e Deroo (5) a strappare e conservare il break vincente a metà parziale, gestito fino al 25-22. I verdeoro meno utilizzati, però, iniziano a trovare ritmo con il passare degli scambi e alzano il livello di battuta: Evandro infila due ace consecutivi e pure un paio di attacchi sui quattro metri, mentre il centrale Carbonera prende le misure a Grobelny e gli rifila un paio di murate che scrivono il 17-13 per i verdeoro. L’abitudine a giocare insieme e soprattutto a farlo quando la palla scotta non è un dettaglio: non a caso il Belgio si riporta sotto con Deroo che buca il muro avversario e Verhees a trovare attacco ed ace del 20-20. Anastasi che trova risorse anche nel doppio cambio palleggiatore-opposto e dall’ingresso al centro di Coolman, autore di 4 punti nel parziale, compreso l’ace che segue l’errore in attacco di Evandro e che scrive il 25-23 e il 2-0 nel conto dei set.
Dal Zotto non ci sta. Inserisce lo schiacciatore titolare Douglas e grida la sua rabbia: il Brasile si sveglia e cambia ritmo. Nel terzo set sono i verdeoro a condurre e a trovare la fuga con Evandro, Douglas e Loh e i muri di Souza e chiudono 25-19 proprio con un ace di Douglas.
In casa Belgio si iniziano a intravvedere anche segnali di stanchezza: il muro arriva spesso in ritardo, difesa e ricezione stentano e così la costruzione del gioco. Il Brasile, una volta messo in moto, non si ferma e parte forte anche nel quarto set: 8-12. Poi è fuga fino al 25-15, con Evandro già autore di 24 punti.
Il Belgio sembra fuori partita e la sensazione è confermata dall’inizio del tiebreak: 4-0 Brasile, firmato dalle schiacciate di Douglas ed Evandro e dal muro di Eder. La squadra di Dal Zotto non molla l’osso, vola sul 12-8 e chiude 15-12 con una seconda linea dell’opposto Evandro. Il Brasile chiude la seconda fase imbattuto e vola a Torino sapendo di avere diverse frecce al proprio arco: non solo i titolarissimi.
Per il Belgio il punto guadagnato vale il secondo posto nel girone ed il 7° nella classifica generale.


CLASSIFICA POOL F

Brasile 7v-1p 19 punti
Belgio 4v-4p 14 punti
Slovenia 4v-4p 13 punti
Australia 3v-5p 9 punti

Sostieni Volleyball.it