Montreux Volley Masters: L’Italia reagisce e sconfigge la Turchia 3-1

ITALIA-TURCHIA 3-1 (25-27, 25-20, 25-20, 25-23)
Italia: Orro 1, Pietrini 15, Fahr 7, Sorokaite 19, Villani 12, Alberti 5, Parrocchiale (L); De Bortoli 0, Nicoletti 2, Cambi 0. Ne: Nwakalor, L. Bosetti (L), Botezat. All. Mazzanti
Turchia: Ozbay 2, Ismailoglu 12, Gunes 10, Baladin 2, Karakurt 15, Akman Caliskan 12, Sarioglu (L); Boz 10, G. Yilmaz 1, Dilik 0, Yildirim 0. Ne: Ercan, Guveli (L), Kalac. All: Hamurcu.
Durata: 25’, 24, 24’, 24’
Arbitri: Ziling Wang, Jorg Kellenberg
Italia: 7 a, 12 bs, 15 mv, 33 et
Turchia: 5 a, 10 bs, 7 mv, 37 et

MONTREUX – Nella seconda giornata del Montreux Volley Master, le azzurre hanno trovato il primo successo superando 3-1 (25-27, 25-20, 25-20, 25-23) la Turchia di Guidetti (in questo torneo nell’insolita veste di viceallenatore).

Dopo la sconfitta rimediata nella prima gara contro la Thailandia, la selezione tricolore è riuscita a riscattarsi grazie ad una prova che l’ha vista assoluta protagonista. Dopo un primo set equilibrato e concesso alle avversarie solo ai vantaggi, infatti, le ragazze di Davide Mazzanti sono salite in cattedra già dall’avvio del secondo parziale (9-3), conducendo una gara nella quale sono state superiori in tutti i fondamentali e in particolar modo a muro, con il dato emblematico dei 14 mv solo nei primi tre set.

In virtù della vittoria di oggi, la nazionale azzurra resta in piena corsa per un posto in semifinale. In questo senso sarà decisiva l’ultima sfida della fase a gironi in programma domani (ore 16.30) contro la Svizzera che sarà trasmessa in diretta streaming da DAZN – Attiva subito il tuo mese gratis clicca qui. Una vittoria per 3-0 garantirebbe il passaggio del turno senza dover aspettare l’esito dell’ultimo match tra Turchia e Thailandia.

In questo avvio di stagione prosegue l’ottimo periodo di forma per Indre Sorokaite, top scorer del match anche oggi con 19 punti all’attivo.

SESTETTI – Un solo cambio nelle scelte iniziali rispetto alla prima uscita contro la Thailandia, con il Ct Davide Mazzanti che ha scelto di dare una maglia da titolare a Francesca Villani al posto di Nwakalor con Sorokaite dunque spostata nel ruolo di opposto. Per il resto tutto confermato con Orro in palleggio, centrali Alberti e Fahr, Pietrini in posto 4 e Parrocchiale come libero. Dopo il turnover effettuato contro la Svizzera la Turchia si è invece schierata con Ozbay in palleggio, Baladin opposta (presto sostituita da una più efficace Boz), Ismailoglu e Karakurt (cambio di ruolo in quest’estate) schiacciatrici, Gunes ed Akman al centro, Sarioglu libero.

LA GARA – Nel primo set, dopo un avvio equilibrato (16-14) è stata la Turchia a tentare il primo vero allungo (17-21). Le ragazze di Mazzanti non si sono arrese e grazie a un bel parziale di 4-0 hanno riconquistato la parità (21-21). Dopo un finale tiratissimo fino ai vantaggi, però, il fallo in attacco di Pietrini ha consegnato il primo set alle turche (25-27).

Bell’avvio di secondo parziale per le azzurre, in grado di conquistare subito un buon margine (9-3). La Turchia, poi, ha accorciato le distanze tenendo il set in equilibrio (16-14), senza però riuscire ad agganciare la selezione tricolore, che ha arginato i tentativi di rimonta grazie ad una buona ricezione e un grande muro, chiudendo avanti (25-20).

Nella terza frazione è stata ancora l’Italia a tentare il primo allungo (14-11). L’equilibrio, però, non ha tardato a ristabilirsi con le turche in grado di superare l’Italia (16-17) prima del muro vincente di Orro che è valso la nuova parità (18-18). Il finale è stato tutto per le azzurre, che hanno trovato il vantaggio complessivo grazie al (25-20) conclusivo.

Molto equilibrato il quarto ed ultimo set, con la Turchia che ha provato fino all’ultimo a portare il match al tie-break. Le azzurre (che in regia hanno schierato Cambi per buona parte del set) però si sono dimostrate più caparbie, mantenendo costantemente un piccolo margine di vantaggio (22-20). Nel finale è stata Pietrini a mettere a terra la palla decisiva, che è valsa il (25-23) finale.

Sostieni Volleyball.it