A1 F.: Monza conquista la prima storica semifinale. 3-0 a Busto che volta pagina

SAUGELLA TEAM MONZA – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 3-0 (25-22 25-18 25-23)
SAUGELLA TEAM MONZA: Adams 1, Hancock 2, Buijs 10, Melandri 5, Ortolani 15, Orthmann 19, Arcangeli (L), Bianchini, Begic, Devetag. Non entrate: Balboni, Facchinetti, Bonvicini. All. Falasca.
UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Gennari 2, Samadan 4, Orro 1, Herbots 10, Bonifacio 4, Meijners 18, Leonardi (L), Grobelna 4, Botezat. Non entrate: Berti, Piani, Cumino, Peruzzo. All. Mencarelli.
ARBITRI: Zanussi, Oranelli.
NOTE – Spettatori: 2023, Durata set: 28′, 24′, 29′; Tot: 81′.

MONZA – Finisce alla Candy Arena di Monza la stagione della Unet E-Work Busto Arsizio, sconfitta per 3-0 in gara 3 dei quarti di finale dal team allenato da coach Falasca che continua così la sua corsa in semifinale. A differenza delle altre partite della stagione, questa sera la superiorità delle padrone di casa è sembrata più marcata, con le farfalle partite bene nel primo game, ma poi condannate dai troppi errori che hanno, al tempo stesso, caricato e lanciato Ortolani e compagne.

Nonostante la buona prestazione della solita Leonardi, di Meijners (18 a tabellino, nel terzo spostata in banda per Gennari, con Grobelna dentro in posto 2) e di Herbots (10), la UYBA non ha saputo esprimere il suo miglior gioco, anche grazie alla vena della Saugella, trascinata dalla solita strepitosa Orthmann (19 ed MVP) e dalla capitana Ortolani (15).

Alle fine tante lacrime nella metà campo biancorossa, per una stagione finita stasera, ma comunque segnata da picchi importanti (Finali di Coppa Italia) e da ricordare per la conquista della terza CEV Cup.

Dopo aver subito per due stagioni consecutive l’eliminazione dai Play Off Scudetto per mano della Unet E-Work Busto Arsizio, la Saugella Monza non cade nuovamente nella trappola delle farfalle, conquistando uno storico pass per la Semifinale. 

Orthmann sfida il muro di Busto
Orthmann sfida il muro di Busto

SESTETTI

La UYBA parte con Orro – Meijners, Bonifacio – Samadan, Gennari – Herbots, Leonardi libero. Monza risponde con Hancock – Ortolani – Melandri – Adams, Buijs – Orthmann, Arcangeli libero.

LA PARTITA

Nel primo set Samadan, Bonifacio (muro) ed Herbots partono alla grande (0-3), mentre per Monza Buijs in pipe si fa subito notare (3-5); Meijners (doppietta) tiene alte le quotazioni UYBA (4-7), Samadan conferma in fast il +3 (5-8), Herbots allunga e fa chiamare tempo a Falasca (5-9). Buijs è continua da 4 ed accorcia (7-9, 8-10), Ortolani trova il -1 con una bordata da 2 (9-10), poi Herbots rilancia le farfalle (9-11, 10-12). Sempre Ortolani (attacco e muro) pareggia (12-12), ma Meijners e l’ace di Bonifacio tengono avanti la UYBA (12-14); Orthmann sparacchia in rete il 12-15, Meijners (attacco + ace) porta al 14-17. Due errori bustocchi rimettono in corsa Monza (time-out Mencarelli sul 17-17), poi Buijs supera con la bomba del 18-17 e Gennari attacca lungo il 19-17. Buijs e un altro errore biancorosso (Samadan) fanno interrompere ancora il gioco a Mencarelli (22-18) e nel finale Monza amministra senza troppi problemi: il muro di Melandri e l’invasione bustocca chiudono 25-22 il parziale.

Secondo set: l’avvio è equilibrato (4-4), ma i muri di Orthamann e Ortolani lanciano le padrone di casa (7-4 time-out Mencarelli); al rientro la tedesca mura ancora (8-4), poi Herbots tira out il pallonetto del 10-5. Orro a muro prova a dare la scossa (10-7), ma la doppietta di Orthmann induce ancora Mencarelli a fermare il gioco (12-7). Buijs allunga a +6 il vantaggio delle padrone di casa (14-8), mentre sul 14-9 entra Grobelna per Gennari; Melandri passa per il 16-10, Orthmann fa 18-12 (esce Grobelna), Ortolani si esalta per l’attacco del 20-13. Nel finale entra Botezat su Bonifacio ma Monza chiude facile con lo show di Orthmann (25-18).

Terzo set: Mencarelli toglie Gennari e sposta Meijners in banda inserendo Grobelna nel ruolo di opposto; l’avvio è ancora equilibrato (4-4), ma Monza ha sempre la testa avanti (bene Buijs e Grobelna fino al 5-5). Orthmann non smette di stupire con attacco ed ace (7-5) e firma anche il 10-7 in pipe. Grobelna attacca out il 12-9, Herbots spara lungo il 13-9, Ortolani affonda da 2 il 14-10; tre errori delle padrone di casa rimettono in carreggiata Busto Arsizio (14-13), ma Adams mette a segno il 16-14 e Grobelna attacca larga la pipe del 17-14 (time-out Mencarelli). Buijs risponde a Grobelna per il 18-15, poi Meijners con caparbietà realizza la doppietta del 18-17; Melandri respinge l’assalto (19-17), ma Grobelna e l’attacco in rete della Saugella rimettono tutto in gioco (19-19 tempo Falasca). Orthmann e Ortolani, su servizio della neo entrata Bianchini, ritrovano il break (21-19 tempo UYBA) e nel finale Monza chiude con Orthmann e Buijs (25-23).

Le lacrime di Leonardi e compagne
Le lacrime di Leonardi e compagne

HANNO DETTO

Grobelna (UYBA): “Abbiamo avuto una buonissima stagione ma è troppo brutto finirla così, sarebbe stato fantastico raggiungere le semifinali con questo gruppo. E’ stata una serie molto equilibrata con Monza, ma oggi loro sono state migliori di noi e hanno meritato di passare il turno”.

Mencarelli (UYBA): “Siamo partiti con entusiasmo e voglia, ci siamo arrestati mentalmente sulla sequenza di battute di Orthmann nel primo set e forse da lì in poi non abbiamo più trovato sicurezze. Anche nel punto a punto del terzo set, non abbiamo dimostrato determinazione come invece fatto praticamente sempre durante la stagione: evidentemente abbiamo prosciugato tutte le nostre risorse, fisiche e mentali. Abbiamo speso tantissimo per stare nella quarta e quinta posizione e questo ha pesato: siamo arrivati qui troppo carichi di tensione. Detto questo complimenti a Monza che ha fatto una gara eccezionale. La stagione è comunque di grande valore, per i risultati ottenuti sul campo, ma anche e soprattutto per il lavoro svolto in palestra giorno dopo giorno”. 

Hancock (Monza): “Siamo state concentrate sul portare a casa questa serie. Abbiamo lavorato duro per tutta la stagione, trovando le cose giuste che potessero metterle in difficoltà e questo ci ha permesso di vincere questa terza gara contro di loro. Conegliano? Sono i Play Off e tutto può succedere. Stiamo giocando una bella pallavolo, continuando a crescere gara dopo gara. Possiamo fare sempre meglio: vediamo come andrà”.

 

Sostieni Volleyball.it