VNL F.: L'Italia supera la Rep.Dominicana. Nel tie break la scena è tutta per Egonu

Scritto da Redazione Volleyball.it  | 
ITALIA - REP. DOMINICANA 3-2 (25-23, 20-25, 25-19, 16-25, 15-12)
ITALIA: Guerra 18, Chirichella 6, Malinov 3, Degradi 10, Danesi 3, Nwakalor 10, De Gennaro (Libero), Lubian, Bonifacio 9, Bosio, Fersino, Bosetti 4, Egonu 8. N.E.: Sylla. All. Mazzanti
REPUBBLICA DOMINICANA: Pena 19, Gonzalez G. 7, Gonzalez Lopez 16, Martinez J. 11, Martinez B. 16, Marte 3, Martinez Y. (Libero), Peralta 3, Dominguez, Mambru 1, Guillen. N.E.: Rabit, Hinojosa e Martinez L. All. Kwiek
Arbitri: Ivanov Ivaylo (Bul) e Rene Karina Noemi (Arg)
Durata: 30’, 33’, 26’, 24’, 17'. Spettatori: 2300. Italia: a 2, bs 12, m 13, et 14. Repubblica Dominicana: a 4, bs 16, m 9, et 12.

BRASILIA - L'Italia centra la seconda vittoria nella Pool di Brasilia superando per 3-2 la Rep.Dominicana al termine di una gara con molti cambi di fronte.
Per l'occasione Mazzanti ha schierato una squadra con Degradi e Guerra schiacciatrici e Nwakalor opposta. Guerra top scorer azzurra con 17 punti.
Nel corso del match ampia rotazione con gli ingressi di Bonifacio per Danesi al centro (dal 3° set per il resto della gara), di Bosio per Malinov (3° e 4° set), Bosetti per Degradi (4° e 5° set) finché nel quinto set è stata Paola Egonu, entrata nel finire del 4° parziale, a dare un impulso decisivo all'Italia con 7 punti nel set corto: 5 attacchi, 1 muro, 1 ace (17 palloni attaccati tra 4° e 5° set).
Questa sera Italia ancora in campo, alle ore 20 sfida alla Germania del nuovo Ct Vital Heynen.



LA CRONACA – Rispetto all’esordio con la Serbia l’Italia ha iniziato con Malinov in regia, Degradi e Guerra come schiacciatrici, Danesi e Chirichella centrali, Nwakalor opposto e De Gennaro libero.
Le azzurre hanno impiegato qualche scambio per prendere ritmo mentre la Repubblica Dominicana ha trovato in Brayelin Martinez un riferimento offensivo. Danesi prima e Malinov poi hanno però tenuto bene le azzurre in scia facendo da apripista al sorpasso firmato Degradi e due errori consecutivi delle avversarie (12-9). L’attacco azzurro ha accusato qualche passaggio a vuoto mentre dall’altra parte della rete hanno preso ritmo Gonzalez Lopez e Brayelin Martinez (14-15). L’Italia ha faticato e non poco a trovare punti con Nwakalor e Guerra mentre le dominicane hanno continuato a difendere e murare bene andando a referto con una incontenibile Martinez (18-18). Una volta prese le giuste misure, e dopo aver subito un ultimo tentativo di rimonta dominicana (23-23), le azzurre sono però riuscite a portare a casa il primo set con due decisive giocate di Nwakalor (25-23).

Il canovaccio del match non è cambiato alla ripresa del gioco: la Repubblica Dominicana ha continuato a trovare belle difese ed attacchi precisi con Martinez e Pena. Quando poi anche Marte ha iniziato a pungere al servizio e sottorete, l’Italia si è ritrovata sotto 5-9. Nel momento di difficoltà le azzurre hanno ottenuto risposte da Degradi (mani out, muro e ace) per ricucire il gap nonostante le belle giocate sul fronte opposto di Pena e Gonzalez Lopez (9-10). L’Italia però non ha proseguito nel forcing concedendo troppi errori in attacco e ricezione. Gonzalez Lopez, Martinez e Pena hanno iniziato a prendere ritmo e l’Italia, nonostante qualche buona giocata di Chirichella, Guerra e Nwakalor si è ritrovata sotto 13-22. Gli ingressi in campo di Bonifacio, Lubian e Bosio hanno invertito il trend (break di 5-0 delle azzurre) non riuscendo però a completare la rimonta con le dominicane che hanno poi chiuso il secondo parziale con un muro di Mambru (20-25).

Nel terzo set il CT Mazzanti ha dato fiducia a Bosio e Bonifacio ottenendo buone risposte in attacco anche da Guerra e Nwakalor (8-6). Le dominicane hanno continuato ad allungare ogni scambio con grandi difese ma l’Italia di un’efficace Nwakalor e di una solida Chircihella ha preso il largo (18-11) vanificando le giocate della centrale dominicana Geraldine Gonzalez. Le azzurre non si sono più fatte sorprendere (ultimi guizzi di Dominguez, Pena e Peralta) chiudendo i conti con l’attacco al centro di Bonifacio (25-19).

L’inizio di quarto set è stato di marca dominicana: Jinery, Geraldine e Brayelin Martinez hanno spinto la Repubblica Dominicana sul 7-10. Sul 7-11 il CT Mazzanti si è giocato la carta Egonu, tenuta inizialmente a riposo, ma il contributo dell’opposto azzurro (subito 1 attacco vincente) non è bastato per tenere testa alle scatenate Martinez e Pena che sono riuscite a portare il match al tiebreak (16-25).

Nel quinto set si è scatenata Paola Egonu: l’opposto azzurra ha messo a segno 3 punti per prendere ritmo (7-4) scalfendo le convinzioni delle dominicane. Egonu con Bosetti e Bonifacio ha piazzato il break decisivo (13-8) che ha permesso alle ragazze del CT Davide Mazzanti di chiudere il match (15-12).

HANNO DETTO
“Su tante cose abbiamo faticato – ha ammesso il CT Davide Mazzanti - abbiamo scelto male i colpi d’attacco e questo ce lo siamo portati per tutta la partita. Poi loro hanno difeso tantissimo in una partita fatta di tanti contrattacchi con i loro attaccanti che hanno fatto cose ottime mentre noi con palla alta abbiamo faticato e fatto scelte non sempre buone. La vittoria però era fondamentale perché noi siamo reduci dalla Pool di Ankara dove abbiamo ottenuto due successi e in chiave Final diventa importante fare risultato. È stata sicuramente una vittoria sofferta, sicuramente ci manca ancora ritmo partita perché abbiamo fatto fatica a stare nella partita. Dobbiamo recuperare perché giochiamo presto e dobbiamo farci trovare pronti per la Germania. Non importa chi sia l’avversario ma come approcceremo alla partita perché adesso diventa fondamentale saper gestire energie mentali e fisiche”.

“Era importante portare a casa il risultato – ha dichiarato la schiacciatrice azzurra Anastasia Guerra - al momento ci manca il ritmo gara e l’amalgama. Domani torniamo a giocare e questo forse è un bene anche se c’è tanto da fare nei prossimi giorni per migliorare il nostro gioco. Le dominicane hanno fatto bene in muro difesa e poi sono state molto brave nelle scelte offensive. Noi invece siamo state poco incisive ma ribadisco, in un match come questo, l’importante è aver portato a casa il risultato. Adesso dobbiamo subito resettare, riposare bene e poi approcciare bene al prossimo match con la Germania”.

“La Repubblica Dominicana ha giocato molto bene rendendo la partita molto dura – ha aggiunto la centrale, Sara Bonifacio - abbiamo fatto fatica in attacco e questo ha dato morale alle nostre avversarie che invece giravano molto bene. Poi ci siamo sistemate trovando ritmo in attacco e allora siamo riuscite a venire a capo di una partita che ci ha messo in serissima difficoltà. Tutte abbiamo voglia di giocare e di dare il nostro contributo in una competizione molto serrata come la VNL. Domani c’è la Germania e dovremo essere brave a riposare e ripartire per affrontare al meglio la Germania”.


Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.


💬 Commenti