Superlega: Falaschi guida Taranto allo sgambetto al Verona

Scritto da Antonietta Paradiso  | 

WITHU VERONA - GIOIELLA PRISMA TARANTO 2-3 (25-17, 17-25, 25-23, 22-25, 13-15) - Risultati e Classifica - clicca qui
WithU Verona: Vieira De Oliveira 0, Mozic 13, Mosca 6, Sapozhkov 22, Keita 12, Cortesia 4, Gaggini (L), Zanotti 0, Spirito 0, Grozdanov 3, Magalini 10. N.E. Bonisoli, Jensen. All. Stoytchev. 
Gioiella Prisma Taranto: Falaschi 1, Loeppky 20, Larizza 7, Stefani 21, Antonov 17, Alletti 8, Pierri (L), Cottarelli 0, Rizzo (L), Andreopoulos 0. N.E. Ekstrand, Gargiulo. All. Di Pinto. 
ARBITRI: Braico, Pozzato. 
NOTE - durata set: 23', 25', 32', 30', 20'; tot: 130'.
Rotazione iniziale
Verona: Cortesia, Raphael, Možič, Mosca, Sapozhkov, Keita;  Gaggini (L)
Taranto:  Alletti, Falaschi, Loeppky, Larizza, Stefani, Antonov; Rizzo (L)

VERONA - Una partita non esaltante, portata al tie-break dagli errori più che per le giocate memorabili. La Gioiella, nonostante lo strapotere fisico degli attaccanti della WithU, ha mostrato sin dalle prime battute di essere più lucida e meno nervosa, la cartina tornasole sono stati gli scambi lunghi, vinti quasi tutti dai tarantini. Verona ha tanto da recriminare, in primis, il gioco. Non è solo con la forza che si vincono le partite e quest'oggi mancavano un po' tutti gli ingredienti che hanno permesso di vincere contro Piacenza e Trento.

SESTETTI - Stoytchev schiera Raphael-Sapozhkov in diagonale palleggiatore-opposto, Keita-Mozic di banda, Mosca al centro e Gaggini libero. Di Pinto risponde con Falaschi-Stefani, Antonov-Loeppkyin posto 4, Larizza-Alletti come centrali e Rizzo libero.

I PIÙ - I centrali tarantini sicuramente sono tra le note positive di questa partita, quanto meno in attacco, così come lo é stato Mosca per Verona. La gestione di Falaschi perché quando non girano tutti a dovere trovare velocemente delle contromisure non é ne facile ne immediato.
I MENO - La ricezione di entrambe le formazioni: 38% Verona e 53% Taranto. Mozic e Sapozhkov al di sotto delle aspettative e forse per quest'ultimo bisogna lavorare sul tipo di palla da passargli. Stefani troppo discontinuo e poco efficace sulle palle che contano. 

LA PARTITA - Dopo un primo inizio di studio tra le due squadre dove la più quadrata sembrava la Gioiella, vuoi anche per una maggior precisione in palleggio, la WithU prende il largo quando al servizio si presenta il russo Sapozhkov, 16-12 (Keita da posto4). Russo che sino a un momento prima era fuori giri, forse anche per il tipo di palla (troppo a parabola) e che si è sbloccato proprio dai nove metri. E sempre con la battuta (la ricezione di Taranto è stata il tallone d'Achille nel set 37%), questa volta di Mozic, che Verona mette in cassaforte il parziale. L'errore al servizio di Loeppky mette fine al set, 25-17.

Finisce come il parziale precedente anche il secondo set, ma ad avere la meglio è stata Taranto. Sin dai primi scambi ha avuto il pallino del gioco in mano, poteva addirittura chiudere con uno scarto maggiore. Sapozhkov scostante (appena 2 palloni messi a terra su 8) a differenza di Loeppky, apparso il più continuo sinora.  

Il primo allungo della frazione è di marca gialloblu e lo mette a segno Mosca con un muro, 9-6. Il gap è poi ricucito con Loeppky dai 9 metri, 15-15. L'ace di Antonov per il 18-20 illude i pugliesi, Stefano sbaglia le palle importanti a differenza di Magalini (subentrato per Keita), protagonista dei due punti finali del set, 25-23.

Il set della paura e del Video Check della discordia. Paura quella di Verona di non riuscire a chiudere il set. E difatti così è stato. I suoi attaccanti hanno disfatto un parziale e consegnato nelle mani dei tarantini (14 errori punti), che sono stati piu lucidi (vedi Stefani che si fa perdonare i 4 errori diretti del set precedente) e meno nervosi. Discordia perché sul 20-21 è stato chiamato un video check dall'esito negativo per gli scaligeri che ha generato polemiche e aumentato il nervosismo tra i padroni di casa. Sapozhkov, poco efficace quest'oggi, tira out, 22-25.

É ancora la Gioiella ad andare avanti nell'ultimo set, grazie a un ace di Loeppky, 6-8. Recupera Magalini (forse tra i piú lucidi dei suoi) complice l'attacco out di Stefani, 10-10 e poi ancora Loeppky, 12-11. L'ace di Alletti e poi Loeppky chiudono definitivamente la partita, 13-15.

HANNO DETTO
Radostin Stoytchev (Allenatore WithU Verona): “Abbiamo perso la partita perché non abbiamo giocato come avremmo voluto. Il punto contestato ha inciso, ma non è la ragione per cui abbiamo perso. Dovevamo impostare la gara in modo diverso nel quarto set, ci siamo incastrati nel cambio palla con le battute ibride. La gioventù e l’inesperienza non ci permette di gestire alcune situazioni al meglio, come nelle alzate. Nel cambio palla le statistiche sono basse e certificano le mancanze che abbiamo adesso. Dobbiamo lavorare tanto sulla tecnica, ma soprattutto sul gestire situazioni semplici”.
Vincenzo Di Pinto (Allenatore Gioiella Prisma Taranto): “Bisogna fare i complimenti a questi ragazzi perché c’era una differenza fisica enorme e bisognava giocare di squadra, ho chiuso la preparazione dicendo che sarebbe stato un match tra Ulisse e Polifemo, bisognava giocare di astuzia e cosi abbiamo fatto. Loro hanno fatto valere i centimetri ma noi abbiamo avuto testa, tecnica e pazienza e abbiamo tenuto un ritmo alto”.



Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.


💬 Commenti