Europei U18 F.: Italia in finale! 3-2 alla Serbia

Scritto da Luca Muzzioli  | 
ITALIA-SERBIA 3-2 (25-11, 23-25, 23-25, 25-16, 15-9)
ITALIA: Enweonwu 25, Lubian 7, Pietrini 15, Tanase 11, Kone 4, Morello 1, Tonello (L). Scognamillo (L), Fahr 10, Populini 2, Scola 5, Battista. All: Cristofani.
SERBIA: Caric 16, Rodic 6, Lekic 8, Perovic, Glusac 15, Mirosavljevic 12, Kocic (L), Dokic, Batinic 1, Jonjev 2, Milunovic 2. Ne: Gajevic All: Cakovic.
Arbitri: Ivkovic (CRO), Akhundov (AZE).
Spettatori: 100  Durata set: 24’, 28’, 30’, 26’, 16’. Italia: a 11 bs 10 mv 20 et 24.Serbia a 7 bs 9 mv 11 et 31

ARNHEM - Al termine di una rocambolesca partita l’Italia batte al tie-break 3-2 la Serbia e conquista così la sesta finale della sua storia nella categoria. Quella di oggi è stata davvero una bella partita, disputata a viso aperto da entrambe le squadre che hanno lottato con tenacia alternandosi al comando.

Emozioni e capovolgimenti di fronti non sono mancati, ma il gruppo azzurro, che ad un certo punto ha dovuto rinunciare a Kone già a mezzo servizio a causa di un’influenza gastrointestinale patita in nottata, nel complesso ha meritato l’acceso alla gara che vale la medaglia d’oro.

Dopo aver vinto nettamente il primo set, l’Italia si era smarrita con il passare dei minuti fino a sembrare scivolare in un oblio a dir la verità imprevisto per come era arrivata a questa semifinale, ma le reazione è stata notevole e alla fine è riuscita ad imporsi non senza paure.   

SESTETTO  - Cristofani in partenza aveva dato fiducia alla consueta formazione: la diagonale Morello-Enweonwu, Lubian e Kone (come detto poi uscita) centrali, Pietrini e Tanase martelli e Tonello libero.

LA GARA - La partenza delle azzurre è stata lanciata, la partita è stata interpretata nel modo giusto e questo ha consentito alle ragazze di Cristofani di prendere subito il comando del gioco, fattore che ha permesso loro di condurre dall’inizio alla fine tranne un lievissimo calo nelle fasi conclusive che comunque non ha condizionato il risultato del parziale conclusosi sul 25-11

Più equilibrato il secondo set con le due squadre spesso a contatto (13-13, 19-19), ma con Morello e compagne costrette per lo più ad inseguire (16-18 e 19-22 Serbia). Nelle fasi conclusive la formazione tricolore si è rifatta sotto annullando una prima palla set per le avversarie, ma ha poi finito per cedere 23-25, manifestando qualche incertezza di troppo e non mostrando la stessa fluidità di gioco della prima frazione.

Nel terzo set le serbe hanno dato la sensazione di aver trovato definitivamente le contromisure alla nazionale italiana che è sembrata, invece, andare in crisi, non riuscendo più ad esprimersi sugli stessi livelli di inizio gara. Il risultato è stata una partita in cui i valori di partenza sono stati completamente rovesciati. Cristofani ha chiamato dalla panchina diversi elementi ma niente è cambiato con le azzurrine che si sono innervosite perdendo progressivamente terreno (14-19, 16-22 Serbia). Un lungo turno al servizio di Scola che ha messo in difficoltà la ricezione serba ha consentito a lei e le sue compagne di recuperare terreno fino al 20-22. Nelle concitate fasi finali, però, dopo aver eliminato due palle set, l’Italia ha ceduto comunque 23-25 con la situazione generale che è stata così ribaltata.

Quarta frazione ancora con le azzurre in difficoltà e definitivamente senza Kone. Proprio nel momento di massima difficoltà l’Italia è sembrata poter reagire (19-12). Con il passare dei minuti la formazione tricolore ha ripreso coraggio e migliorando notevolmente la sua prestazione a muro (in evidenza Fahr) si è portata fino sul 23-15, margine di vantaggio sufficiente per chiudere sul 25-16 e portare la gara al tie-break.  

L’ultimo e decisivo parziale è stato combattuto ed equilibrato, ma Morello e compagne, rigenerate dalla vittoria del set precedente, hanno continuato a giocare con rinnovato vigore fino a imporsi sul 15-9

HANNO DETTO


CRISTOFANI"E’ stata una gara molto difficile, la Serbia dopo aver perso il primo set ha cambiato molto ed era riuscita a ribaltare la situazione. Voglio fare i complimenti alle mie ragazze che sono riuscite a cambiare marcia in un momento durissimo, credo il momento più difficile mai affrontato in questo Europeo. Siamo molto felici per aver ottenuto questa finale". 

MORELLO: "Oggi ce l’abbiamo messa davvero tutta, sono molto fiera di noi, non so sinceramente cosa sia successo dopo quel primo set vinto molto bene. Tutte comunque abbiamo dato il nostro contributo e anche domani proveremo ad imporci con tutte le nostre forze". 

FAHR: "Loro si sono dimostrate delle avversarie molto dure. Sono felice per aver contribuito al nostro successo. È stata una partita davvero molto bella e complicata, ma l’unica cosa che conta è essere riuscite ad imporci per avere la possibilità di giocare la gara più importante del torneo domani".

 


Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.


💬 Commenti