Champions League: Perugia, missione compiuta. 3-0 a Duren

Scritto da Redazione Volleyball.it  | 

Pool E
SWD powervolleys DÜREN - Sir Sicoma Monini PERUGIA 0-3 (17-25, 23-25, 21-25) 
SWD powervolleys DÜREN: Batanov (L), Van Der Ent 0, Ernastowicz 11, Brand 8, Andrei 5, Burggräf 0, Gevert 12, Pettersson 5, Kocian-Falkenbach 3. N.E. Urban, Röhrs, John, Bernsmann. All. Murczkiewicz. 
Sir Sicoma Monini PERUGIA: Herrera 13, Piccinelli (L), Sole’ 5, Colaci (L), Gualberto 6, Semeniuk 8, Plotnytskyi 17, Ropret 3, Cardenas 1, N.E. Giannelli, Rychlicki, Leon Venero, Russo, Mengozzi. All Anastasi.
ARBITRI: Cambré - Goncalves. NOTE – durata set: 24′, 29′, 26′; tot: 79′. 

DUREN - DUREN (GER) – Missione compiuta in terra tedesca per la Sir Sicoma Monini Perugia.

I Block Devils sbancano la Kreis Arena di Duren, superano in tre set i padroni di casa della SWD powervolleys e si prendono il terzo successo pieno nella Pool E di Champions League volando a quota 9 punti in classifica.

Prova concreta e compatta dei bianconeri. Coach Anastasi, coma da diverse settimane a questa parte, prosegue nella rotazione della rosa dando spazio stasera a Ropret, Herrera, Solè, Semeniuk e Piccinelli e facendo rifiatare alcuni dei giocatori che erano scesi in campo due giorni fa a Cisterna in campionato. Nonostante le variazioni, Perugia mantiene il proprio assetto e le proprie certezze sia nel sideout che in fase break. Certezze che, a lungo andare, fanno la differenza contro la buona formazione tedesca.

Primo parziale equilibrato fino al 10-10, poi i bianconeri alzano i giri del motore soprattutto dai nove metri. Il secondo set è il più combattuto e si gioca punto a punto. In volata decidono un colpo vincente di Ropret ed un errore dei padroni di casa. Nella terza frazione, con Duren che cerca il tutto per tutto per allungare il match, Perugia dimostra carattere e determinazione recuperando uno svantaggio iniziale di tre punti e chiudendo con un maniout di Plotnytskyi.

È proprio il mancino ucraino l’Mvp della partita, partita che chiude con 14 punti, 4 ace ed il 56% in attacco. Doppia cifra anche per Herrera (13 palloni vincenti), 58% in attacco per Semeniuk (8 punti).

Perugia vince la sfida soprattutto in battuta (7 ace contro 4, ma anche tanti turni che hanno messo grande pressione alla ricezione tedesca) ed in attacco (54% contro il 50% del Duren che però ha commesso quasi il doppio degli errori).

Scappa via dunque Perugia in classifica nel girone in attesa della partita tra Ach Lubiana e Ziraat Ankara in programma domani. Prossimo impegno di Champions per i Block Devils giovedì 15 dicembre quando al PalaBarton arriverà proprio la formazione turca.  

IL MATCH
Ropret, Herrera, Solè e Plotnytskyi le scelte di Anastasi. In seconda linea si alternano Piccinelli e Colaci. Avvio equilibrato con il Duren efficace da posto quattro (4-4). Out Gevert, vantaggio Perugia (4-5). Il muro tedesco capovolge (6-5). Doppio ace di Herrera (6-8). Il muro di Andrei pareggia subito (8-8). Ace anche per Plotnytskyi (8-10) e altro muro del Duren (10-10). Ricezione e pipe di Plotnytskyi poi muri vincenti di Herrera e Flavio (12-15). Smash di Herrera (13-17). Gevert dimezza (15-17). Plotnytskyi infila di potenza l’ace del 16-20 e poi di classe pure quello del 16-21. Entra Cardenas e trova l’ace che porta Perugia al set point (17-24). Chiude subito di fino Semeniuk (17-25).

Si riparte con l’ace di Plotnytskyi ed il maniout di Semeniuk (0-2). Gevert pareggia (4-4). Ace di Ernastowicz, Duren avanti (5-4). Herrera tiene il punteggio in equilibrio (8-8). Perugia mette la testa avanti con il primo tempo di Flavio e l’attacco out di Gevert (12-14), ma il Duren pareggia subito con l’ace di Kocian (14-14). Gevert chiude il contrattacco ed i tedeschi capovolgono tutto (15-14). Perugia è fallosa al servizio, Herrera tiene l’equilibrio con l’attacco dalla seconda linea (18-18). Non si schioda l’equilibrio (22-22). Out Ernastowicz (22-23). Ropret è il più veloce sotto rete e porta Perugia al set point (23-24). Attacco out di Ernastowicz, Perugia raddoppia (23-25).

Partono bene i tedeschi nel terzo parziale (2-0). Ace di Ernastowicz (5-2). Attacco e muro di Flavio (6-5). L’ace di Kocian riporta il Duren a +3 (8-5). Perugia non molla, risale e con l’ace di Solè pareggia (11-11). Out Brand, diagonale chirurgica di Semeniuk e Block Devils avanti (11-13). Mette anche il muro il martello polacco (12-15). Un paio di errori dei bianconeri rimettono le due squadre a contatto (14-15). Solè chiude il primo tempo (17-19). Fuori la diagonale di Gevert (19-22). Herrera sulle mani alte (20-23). In rete il servizio di Kocian, match point Perugia (21-24). Il pallonetto di Plotnytskyi tocca le mani del muro avversario, i Block Devils si prendono i tre punti in palio (21-25).  

HANNO DETTO
Oleh Plotnytskyi (Sir Sicoma Monini Perugia): “Abbiamo giocato una buona partita, il secondo e terzo set sono stati più difficili e combattuti del primo, ma ancora una volta siamo stati in campo tutti insieme giocando di squadra e portando a casa un risultato importante in chiave qualificazione. Sono tre punti che per noi hanno grande valore soprattutto perché, quando torneremo dal Mondiale per Club, avremo subito la partita contro lo Ziraat Ankara e potremo affrontarla con un po’ di tranquillità”.



Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.